martedì 24 gennaio 2023

Il problema dei tiri liberi della Mens Sana. E quanto incide sui risultati

In partite punto a punto la precisione dalla lunetta è fondamentale, specialmente quando il pallone pesa di più. Le ultime due gare di campionato della Mens Sana sono state caratterizzate negli ultimi secondi di gara dal 4/4 a cronometro fermo degli avversari: Castelfiorentino ne ha approfittato per passare da +1 a +5, Valdisieve da -1 a +3.
  
Al suono della sirena resta sempre in mente quel libero sbagliato in un momento chiave, quello 0/2 che poteva portare da -1 a +1, quel gioco da tre punti non convertito. In ogni partita c’è occasione di rammarico. Ma quanto incidono realmente i tiri liberi?
 
Dati alla mano, ringraziando il valido lavoro dell’ufficio statistiche mensanino per le partite interne e l’app swish per quelle esterne, in sedici giornate di campionato siamo a 210/320. Solo il 65,6% delle conclusioni dalla lunetta va a segno. Nelle 16 partite giocate contro la Mens Sana gli avversari hanno tirato complessivamente 271/374, il 72,5%.
 
Sfruculiando nelle singole partite, non si nota una stretta correlazione tra numero di liberi tentati e vittorie, né tra percentuale di realizzazione e vittorie. Il primo successo è arrivato con Legnaia tirando il 78% (22/28) ma con Costone e Don Bosco si sono raccolti punti pur non arrivando al 60% (11/20 e 19/32). Con Altopascio e Synergy si sono tirati meno liberi degli avversari (16 contro 22 e 23 contro 33) eppure sono arrivate due affermazioni, la prima delle quali anche piuttosto netta.
 
Percentualmente la miglior partita dalla lunetta è stata quella con Cecina (13/14), la peggiore quella con Castelfiorentino (8/18).
 
In sedici partite di campionato, solo quattro volte la Mens Sana ha avuto più liberi a disposizione della propria avversaria; due di queste quattro le ha vinte, due (entrambe le gare con Valdisieve) le ha perse. Solamente in tre partite le avversarie della Mens Sana hanno tirato meno di 20 liberi, mentre Pannini e company sono rimasti nove volte sotto quella soglia. 
 
Si potrebbe dunque allargare il discorso all’ambito tecnico-tattico, alla scelta di una difesa più aggressiva, al metro di giudizio ‘ballerino’ degli arbitri, alla necessità di mandare gli avversari in lunetta per recuperare, alla reale capacità di procacciarsi fischi in determinate situazioni di gioco. Ci limitiamo al dato numerico che sembra abbastanza costante.
 
In dieci gare ha avuto una percentuale migliore dalla lunetta rispetto agli avversari, ma in almeno quattro di queste dieci gare su un numero di tentativi nettamente inferiore (es. ad Agliana, dove ha tirato 6/7 contro il 16/20 degli avversari, oppure ad Arezzo, 9/13 contro 18/27).
 
Morale della favola? Non c’è, ci sono solo numeri alla Fibonacci. Alla fine conta il numero di vittorie (5) e quello di sconfitte (11). Per invertirlo non è detto che basti migliorare ai liberi. Però potrebbe servire.

Stefano Salvadori


***
  
Leggi anche:














  




 

 

 
 






 























 
 









 
 


 
 
 
  
  

  

 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (69) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (56) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (134) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (16) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (199) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (149) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (11) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (141) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (107) storia (60) sul campo (724) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (178) Viviani (3)