martedì 22 novembre 2022

FOCUS "Paura" e reazione Virtus, le torri sempre più alte della Mens Sana: cosa lascia il Derby

L’atmosfera del derby tanto atteso, quello che mancava da 57 anni, è stata un fattore eccome. Tanto da ribaltare, per un tempo, un pronostico che per molti era scontato. La stessa atmosfera ha aiutato la Virtus a ritrovarsi e capovolgere le sorti di una partita che molti ricorderanno: vediamo cosa ha funzionato e cosa no, e come potrebbe cambiare la stagione di entrambe dopo questa serata. 
  
Virtus: energia e carattere dai suoi giovani. 
Forse ci si aspettava dalla “vecchia guardia” una reazione quando le cose andavano malissimo. E invece la Virtus la partita l’ha girata alzando il ritmo, giocando a tutto campo, e sfruttando benissimo la vivacità dei suoi giovani. 
 
Cosa non è andato: primo tempo in cui la palla pesava tanto, e specie in attacco i rossoblù hanno attaccato male, con scelte assurde e approssimazione. E nessuno in quella fase ha saputo fare niente per fermare l’emorragia, per mettere un punto. Fortuna per la squadra di Franceschini che il divario si è fermato intorno a quota 20 punti, perché potevano anche essere di più. 
 
***
 
Mens Sana: ottima difesa, così i centimetri contano. 
Anche in questo derby la squadra di Binella ha difeso in maniera encomiabile. I biancoverdi stanno davvero trovando il modo di sfruttare in maniera positiva i propri lunghi. In questi campionati è estremamente raro trovare quintetti così alti, e anzi spesso le squadre migliori difensivamente sono quelle più piccole e aggressive, che possono cambiare spesso. 
 
Cosa non è andato: terzo quarto da appena 7 punti. 42 punti all’intervallo sembravano tanti. Ma quando l’intensità della partita è salita, agli esterni biancoverdi si è spenta letteralmente la luce. 8 errori ai liberi e 15 palle perse, sono numeri che testimoniano queste difficoltà.
 
***

Cosa lascia il Derby: 

La Virtus si rilancia dopo tre sconfitte, e la prova solidissima di Costantini, Bartoletti e Cacciatori, fa intendere che questa squadra può avere realmente 10 protagonisti. Anche nelle partite più difficili. 

La Mens Sana è senz’altro in crescita, certo le rotazioni ridotte possono essere un problema, a lungo andare, ma il primo tempo deve dare ancora più consapevolezza che giocando così, si possono fare risultati. 
 
Andrea Monciatti

 
***
 
Leggi anche:





















 
 









 
 


 
 











 
 
 
  

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (43) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (112) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (11) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (186) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (149) mercato (90) Minucci (28) Monciatti (8) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (134) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (106) storia (60) sul campo (706) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (156) Viviani (3)