giovedì 5 gennaio 2023

FOCUS Da sviluppare o da recuperare: Mens Sana, Virtus e Costone, chi può dare la marcia in più

La Virtus, per opportunità e necessità ha cambiato molto, con il mercato invernale, la Mens Sana sarà più profonda con Tognazzi e Milano, ed il Costone proverà a cambiare marcia con il rientro di qualche infortunato e la nuova guida tecnica. Ma a parte i cambiamenti, vediamo chi potrebbe essere, uno per squadra il giocatore chiave per ognuna delle tre senesi. 
 
Virtus: Costantini.
Il più giovane del roster rossoblù, ma già da inizio stagione stabilmente in quintetto, è il giocatore che più può crescere rispetto a quello che ha mostrato fino ad ora. La prima esperienza vera, con responsabilità, tra i senior ci ha detto che il ragazzo ha senz’altro la stoffa: grande precisione al tiro da fuori, e ottime doti difensive e atletiche. Gioca in maniera molto disciplinata, raramente va fuori dalle righe. Altrettanto raramente lo si vede attaccare con il palleggio per creare, ed appare fin troppo “disciplinato”. Può fare qualcosa di più? Questo è il quesito, e il punto di attenzione in una squadra che ha tanto talento diffuso e molti protagonisti diversi. 
  
Mens Sana: Tognazzi. 
L’infortunio l’ha tenuto lontano per metà stagione, ma finalmente si vedrà in campo a gennaio. È stato uno dei protagonisti della scorsa stagione, e per questo tutti si aspettano che possa dare una bella mano ad una Mens Sana, protagonista di un buon girone d’andata. I numeri dicono che in fase realizzativa è sempre stato un fattore: nelle ultime cinque stagioni (in C Silver) ha sempre superato i 15 punti di media. E ai biancoverdi manca proprio un esterno in grado di battere l’uomo con continuità. Può essere il miglior rinforzo possibile per la lotta play-off.
  
Costone: Juliatto. 
Dopo aver saltato una intera stagione per infortunio, ha avuto una ripresa lenta e graduale quest’anno. Nelle prime uscite era chiaramente lontano da una forma “accettabile”, ma con il passare delle partite i miglioramenti sono evidenti. I 18 punti nell’ultima gara dell’anno con Lucca dicono tanto. Sarà la marcia in più per il Costone? Le premesse ci sono, specie se riuscirà a tornare a essere efficace in posizioni più perimetrali, dove far valere le sue doti tecniche. Può giocare in quintetti altissimi, o essere il lungo atipico che apre il campo. Prima dell’infortunio era costantemente in doppia cifra, e ha le doti per fare altrettanto in C Gold. A lui e alla squadra il compito di trovare la quadratura del cerchio per sfruttare i diversi talenti nel roster costoniano. 

Andrea Monciatti 



***
  
Leggi anche:






    





Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (69) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (56) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (134) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (16) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (199) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (149) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (11) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (141) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (107) storia (60) sul campo (724) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (178) Viviani (3)