martedì 1 novembre 2022

FOCUS La tenuta difensiva della Mens Sana, la "miccia" del Costone: cosa lascia il Derby

Stavolta il palazzo pieno non ha “impaurito” nessuno, anzi, ha caricato a mille i giocatori, che hanno dato vita a un derby combattuto e divertente. La Mens Sana ha vinto nettamente, conducendo per tutta la gara, anche se con margini ridotti nel punteggio, ma dando sempre l’impressione di condurre le danze. Ma vediamo cosa ha funzionato e cosa no, e cosa lascia il primo dei sei derby stagionali. 

Mens Sana: una solida difesa. Lasciare il Costone a 57 è cosa notevole. I ragazzi di Binella sono stati quasi perfetti nella difesa uno contro uno, e molto attenti nelle situazioni di collaborazione. Molto bene anche a rimbalzo, dove hanno lasciato pochissimo agli avversari. Inoltre da sottolineare la prova offensiva degli esterni mensanini. Hanno davvero gestito bene i ritmi della partita, e di conseguenza le percentuali da 3 punti sono state buone. 

Cosa non è andato: ha sempre condotto, ma senza mai strappare veramente. Nel finale poteva chiuderla, ma vuoi la stanchezza e qualche errore ai liberi e sembrava di rivedere il finale con Valdisieve. Invece la difesa ha tenuto e poi sono arrivati i punti della staffa. Ma in altre serate servirà qualcosa in più per chiudere le partite. 

*** 

Costone: non è una questione di percentuali. 19/63 al tiro nasce da un attacco che ancora non è a posto. In attesa della migliore condizione di alcuni, la Vismederi ha bisogno di trovare riferimenti offensivi, e qualcosa/qualcuno che accenda la “miccia”. Il post basso di Ondo ha portato poco, così come raramente arriva un tiro costruito da una buona esecuzione (uscite dai blocchi per esempio). 

Cosa è andato: se segni così poco, è un attimo sfaldarsi, invece i gialloverdi se la sono giocata fino all’ultimo minuto. Ottimo il contributo di Ricci e Pisoni, due che possono dare una mano importante in questo momento, a testimonianza della profondità del roster. 

*** 

Cosa lascia questo derby?

Alla Mens Sana la vittoria dà una bella spinta: i progressi si vedono, la squadra piace sempre di più al suo pubblico, specie perché mostra grinta e unità d’intenti. In una stagione così “particolare” una vittoria che vale tanto. 

Al Costone lascia ancora un senso di essere una bellissima opera incompiuta. A oggi la squadra sembra ben distante da quella che era la scorsa stagione. Certo è cambiata la categoria, diversi protagonisti, e i problemi fisici sono tanti. Ma ora tutti si attendono un cambio di passo. 

Andrea Monciatti 










 
 


 
 











 
 
 
  

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (43) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (112) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (11) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (186) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (149) mercato (90) Minucci (28) Monciatti (8) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (134) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (106) storia (60) sul campo (706) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (156) Viviani (3)