domenica 3 marzo 2019

What the FAQ

Finire o meno il campionato. Perdere o meno l'affiliazione. Far finire la stagione alle giovanili. Far sopravvivere le giovanili a questa stagione. Evitare il fallimento. E poi ripartire. Come?

La Mens Sana può finire la stagione di A2? Ne avevamo già parlato. Sì. Può NON finirla SOLO SE:

- non paga entro il 19 marzo la quinta rata di tasse federali in scadenza al 5 marzo (può pagarla entro il 12 pagando una multa o entro il 19 con altri tre punti di penalizzazione sulla stagione in corso). Se non lo fa, è prevista l'esclusione dal campionato della prima squadra. Non è prevista la perdita dell'affiliazione. La ripartenza della prima squadra, implicitamente, potrebbe avvenire solo dai campionati a libera partecipazione.

- si ritira dal campionato, dichiarandolo o facendolo di fatto non prendendo parte a due gare. Anche in questo caso è prevista l'escusione dal campionato della prima squadra. Non è prevista la perdita dell'affiliazione. La ripartenza della prima squadra, in questo caso esplicitamente nel regolamento, potrebbe avvenire solo dai campionati a libera partecipazione.

(non è uno scenario realizzabile quello dell'esclusione per cumulo di penalizzazione di almeno 7 punti per ritardo nel pagamento delle tasse federali né di 9 punti per ritardo nel deposito delle liberatorie)

***

Le giovanili possono finire la stagione?
Sì, se non viene revocata l'affiliazione. E se non viene revocata neanche a fine stagione, le giovanili possono andare avanti anche in futuro.

***

In quali casi viene revocata l'affiliazione?

A fine stagione, se uno stato di morosità non è stato sanato entro allora. Se non sanato entro il termine stabilito dalla Federazione, comporta per la stagione successiva una penalizzazione pari al numero di inadempienze contestate. Se non sanato neppure entro il termine della stagione, comporta la revoca dell'affiliazione (articolo 139 Regolamento Organico).

A stagione in corso, solo in caso di fallimento. Peraltro secondo in quel caso può anche essere disposto l'esercizio temporaneo (articolo 141 Regolamento Organico). Ma, come si è visto quest'anno nel caso della Viola Reggio Calabria in Serie B, nei campionati non professionistici (come l'A2) è consentita la messa in liquidazione della società, che può concludersi anche col risanamento della stessa o comunque la sua rimessa in bonis, senza perdere l'affiliazione.

Per la Mens Sana Basket nel 2014 invece la messa in liquidazione fece scattare automaticamente la revoca dell'affiliazione per la stagione successiva (comunque superata dagli eventi, del fallimento arrivato nel frattempo) perché così è previsto invece per le società del settore professionistico (articolo 142 Regolamento Organico).

***

Esistono strade ci sono per evitare il fallimento?

- Metterci tanti tanti tanti soldi.

- oppure (come sia possibile sfugge alle nostre semplici menti di uomini della strada, ma nell'economia reale succede) metterci un po' meno soldi, cercando accordi per niente facili con i creditori con cambiamenti formali nella struttura amministrativa della società.

Chiediamo venia per l'ignoranza, si farà in modo di attrezzarsi anche sul diritto societario per essere più specifici se mai la situazione lo richiederà, ma per capirsi sono scenari che vanno dall'affidarsi a un amministratore unico con questi compiti oppure a un liquidatore scelto dai soci in caso di messa in liquidazione volontaria (déjà-vu) fino a situazioni di concordato preventivo o amministrazione straordinaria, nelle mani di un commissario giudiziale e del giudice delegato. In questi ultimi casi è previsto il coinvolgimento del tribunale.

A proposito di tribunale, le uniche possibilità di un'istanza di fallimento in tempi brevi sono, per legge, che questa arrivi dalla società stessa che porta i libri in tribunale, oppure da un pubblico ministero. La terza via possibile, cioè che ad avanzarla siano i tanti creditori, non è comunque realizzabili prima dell'estate, per i tempi tecnici dei diversi passaggi preliminari che deve affrontare chi è già partito da tempo con le ingiunzioni.

***

Cosa può succedere:

- Si va avanti salvando l'attuale titolo sportivo. Proibitiva. Serve il citato ammontare di tanti tanti tanti soldi. Oppure il buon esito di una pesante, affatto scontata e tutta da maturare ristrutturazione aziendale, in una delle modalità accennate sopra. Ragionando se valga la pena approntare un intervento del genere per salvare quella che comunque a questo punto con ogni probabilità sarebbe una Serie B.

- Si va avanti salvando l'affiliazione. Abbiamo visto una serie di casi che prevedono l'esclusione del campionato per la prima squadra ma non la revoca dell'affiliazione, contemplata solo per fallimento o morosità non sanata entro la fine della stagione. Così, si tratterebbe di ripartire la prossima stagione solo con le giovanili, oppure con le giovanili e una ripartenza per la prima squadra solo da un campionato a libera partecipazione. Ma per andare avanti in ambito federale, servirebbe sanare entro l'inizio della prossima stagione ogni pendenza verso Federazione e tesserati: tra lodi, tasse federali e stipendi da qui a fine stagione, fanno almeno 300mila euro mal contati.
Ragionando se valga la pena approntare un intervento del genere per salvare la scatola della Mens Sana, ripartita dal basso che più basso non si può. Ma a livello simbolico sarebbe molto importante che esistesse ancora una Mens Sana, rispetto all'alternativa di ripartire dallo stesso livello, a costo zero, ma con società nuove e senza legami veri con la Mens Sana, se non totalmente artificiali. Vedi punto successivo.

- Si perde anche l'affiliazione, nei casi citati, e si riparte (...quando si riparte... se si riparte) da zero. Ovvero dai campionati a libera iscrizione o, se sarà concesso, dalla migliore categoria (C o D) in cui dovesse liberarsi un posto. I ragazzi delle giovanili potrebbero confluire nella Polisportiva, che si è già impegnata col Comune per il finale di questa stagione (se la proprietà deciderà di farsi aiutare) e che ha sempre in piedi l'affiliazione della Mens Sana Basketball Academy. Ma una prima squadra? E' stretta nel rebus quasi insolubile di sapere già che la Mens Sana può rinascere solo all'interno della casa madre, ma che allo stesso tempo all'interno della casa madre (lo ha dimostrato la storia recente) non avrebbe prospettive.

Le partite, da adesso in poi, si giocano su questi campi.


***
   




   










Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (58) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (11) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (34) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (87) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (73) sponsor (26) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (90) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)