lunedì 14 gennaio 2019

Basket City: si salva solo Guilavogui, Virtus travolta. Il Costone se la gioca con la prima

Non c’è stata partita, poco da dire. Da solo, il punteggio finale, 83-44, vale più di ogni commento per il ko riportato dalla Virtus in casa di San Miniato alla prima giornata del girone di ritorno. Rotazioni accorciate, infortuni, attacchi influenzali per vari componenti del roster: era una Virtus incerottata quelle che si è presentata al cospetto di San Miniato, avversario onestamente troppo più forte rispetto alle Vu senesi e squadra di primissima fascia del campionato (al pari di Omegna e Fiorentina per intendersi).

Era una vera e propria mission impossibile per la Virtus e così è stato. Una di quelle partite che, in questa complicata annata rossoblù, si potevano battezzare come assolutamente proibitive. E l’incontro ha confermato ogni pronostico. Sono ben altri i match in cui i ragazzi di Tozzi dovranno cercare importanti punti-salvezza. Il riferimento non va necessariamente agli scontri diretti (la buona notizia di giornata è che anche Cecina e Domodossola hanno perso, lasciando intatta la classifica virtussina), ma anche ai prossimi impegni. Soprattutto quelli casalinghi. Anche se il prossimo sarà un altro signor avversario: Alba.


IL GIOCATORE DELLA SETTIMANA

Dopo un -39 sono necessariamente pochi i giocatori in grado di strappare una sufficienza in pagella. Anche se, nel contesto di un passivo che è sempre stato pesante durante tutto l’arco dell’incontro, coach Maurizio Tozzi ha optato per fare economia, cercando di preservare quei giocatori che erano reduci da una settimana complicata dal punto di vista fisico (problemi al collo per Maccaferri, Simeoli out, Gnecchi reduce da un attacco influenzale, Stepanovic non al meglio, così come Olleia e Pucci). Ne emerge che tra i pochi a salvarsi c’è uno dei volti nuovi della Virtus, Michel Guilavogui, lungo classe 1999, quest’anno in Via Vivaldi in doppio tesseramento con Montevarchi (Serie C Gold).

Quello di San Miniato è stato l’esordio stagionale in maglia rossoblù per il giovane centro di origini francesi, dopo che l’anno scorso aveva dato un importante contributo per la cavalcata promozione. I 6 punti messi a referto sono arrivati tutti nell’ultimo quarto, l’unico peraltro vinto dalla Virtus. Al di là delle cifre, Michel Guilavogui ha dimostrato di poter tenere botta con la Serie B ed è stata forse questa l’unica nota lieta: si tratta di un centro atipico se si guarda alla statura (190 centimetri), ma di grande mobilità e atletismo. È uno di quei prospetti su cui la Virtus conta di poter far affidamento, nel presente così come in futuro.


IL TEMA DELLA SETTIMANA

Sabato 19 gennaio, alle 21, si alza la palla a due dell’incontro con Alba. Inizierà allora una nuova stagione per la Virtus. Le Vu senesi devono invertire il trend, soprattutto in casa, cercando di fare punti con chiunque. Alba, per fare un esempio, è una squadra che a inizio stagione sembrava dovesse lottare per la salvezza. Invece, dopo il successo all’over-time con Varese, si può dire che è sostanzialmente certa della permanenza in Serie B e che, anzi, può giocarsi con convinzione le sue chance di accedere ai playoff.

Il prossimo sarà pertanto un avversario carico e ponto a dar battaglia. Lo stesso però deve fare la Virtus, a prescindere da chi si troverà di fronte. Guardando la classifica, l’obiettivo adesso è rimanere a contatto con Cecina, possibilmente agganciarla (il che vorrebbe dire superarla in virtù dello scontro diretto vinto nel girone di andata), continuando a lasciare indietro Domodossola. È uno strano campionato a 3 quello in cui la Virtus si giocherà la salvezza ma, a prescindere da questo, il team rossoblù dovrà giocarsi le sue carte contro ogni avversario che si troverà di fronte.


LA SQUADRA DELLA SETTIMANA

Zero vittorie su quattro incontri. È un bilancio amaro come non mai quello che riguarda le senesi impegnate nei campionati minors. A spiccare, nonostante gli zero punti in classifica, è però il Costone, autore di una prova notevolissima in casa della capolista Quarrata. 74-72 il punteggio finale, beffardo per i colori gialloverdi. È stato però un Costone gagliardo: i ragazzi di coach Francesco Braccagni sono scesi sul parquet pistoiese, casa della capolista, senza nessun timore reverenziale.

I ritmi alti e la buona difesa hanno permesso al team della Piaggia di rimanere sempre in partita, anche se Quarrata ha provato in più di un’occasione a dare una spallata al match. A risultare decisiva è stata la maggiore esperienza, oltre che il più spiccato sangue freddo di Quarrata. Il Costone può recriminare sui troppi errori dalla lunetta che hanno macchiato e pregiudicato il risultato finale. Ciò che resta però è la prestazione: prove di carattere di questo tipo sono il miglior viatico per rilanciare le ambizioni costoniane in stagione, alla ricerca di un piazzamento playoff.

Passando alle altre, come detto, i gironi di andata dei due campionati di Serie C Silver e Serie D si sono conclusi solo con sconfitte per le senesi. Brutto, ad esempio, il passaggio a vuoto interno di Colle, battuta da Arezzo per 83-55. In Serie D, non è andata meglio ad Asciano, battuta nello scontro diretto (tra seconde) di Campi Bisenzio per 67-58. Sconfitta interna anche per Poggibonsi: al Bernino la Laurenziana si impone 62-57. Magra consolazione, sia in C che in D, è che nonostante le sconfitte, le classifiche non hanno subito particolari scossoni: situazioni sostanzialmente invariata, gli obiettivi stagionali restano ampiamente alla portata di tutte e quattro. C’è tutto un girone di ritorno per cercare di centrarli.

RISULTATI - Serie C. Quarrata-Costone 74-72; Colle-Arezzo 55-83 (Classifica: Colle: 16 punti, 3° in classifica; Costone: 14 punti, 7° in classifica). Serie D. Campi Bisenzio-Asciano 67-58; Poggibonsi-Laurenziana 57-62 (Classifica: Asciano: 22 punti, 3° in classifica; Poggibonsi: 14 punti, 9° in classifica).
PROSSIMI INCONTRISerie C. Domenica 20 gennaio, ore 18: Meloria Livorno.Costone; ore 18:30: Colle-Empoli. Serie D. Sabato 19 gennaio, ore 18.30: Firenze 2-Asciano. Domenica 20 gennaio, ore 18: Poggibonsi-Certaldo.




***
   

Panico da zero a dieci: I ripensamenti, la 'Strategia Bruce Lee', il dito

La terza sconfitta di fila. Fa freddo

Pick-and-Tom: La banda dei piccoli. La sfida della Mens Sana senza lunghi di ruolo
St.Sal.Stats: Aspettando Marino Godot



Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (12) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (36) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (75) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (92) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)