martedì 16 gennaio 2024

Basket City: Virtus, la forza della continuità. Costone, vittoria terapeutica per ripartire

Costanza e continuità. Sono queste le doti che hanno permesso alla Virtus di prendere il largo in classifica, ottenendo un prezioso +4 dalle seconde che lancia la squadra di Maurizio Lasi verso una seconda fase da indiscussa protagonista. Un’etichetta, questa, che accompagna da inizio anno un Costone bravo a rimettersi in moto dopo il passo falso di Livorno, venendo a capo di una partita non così tanto semplice come quella con Altopascio. Ma per il momento che stanno attraversando i ragazzi di Maurizio Tozzi, vincere era l’unica cosa che veramente contava.


QUI VIRTUS

A Serravalle è arrivata la quinta vittoria di fila per la Virtus. Oggi quindi lo possiamo dire: mai ko fu più salutare come quello interno con Cecina. Da lì in poi la Virtus ha cambiato faccia, passo e mentalità. Soprattutto in difesa. Prerogativa che le ha permesso via via di affermarsi contro avversari tosti che hanno tentato (invano) di metterle i bastoni tra le ruote.

Tutto questo a prescindere dal fatto che si giochi in casa o in trasferta. Anzi, numeri alla mano, il rendimento esterno dei rossoblù è anche migliore rispetto a quello casalingo: 6-2 il record interno, 7-1 quello lontano dal PalaCorsoni. Pochi dati ma emblematici dell’ottimo percorso stagionale virtussino. Un cammino da squadra forte ma non ancora da favorita. 

Basti infatti pensare alla formula del campionato per capire come ancora ci sia tanta strada da fare e come le variabili in gioco siano le più disparate. Una per tutte: capire quali saranno i risultati aggregati che i rossoblù si porteranno nella play-in-gold. Al momento, in lotta per i primi 4 posti ci sono (oltre alla Virtus) Empoli, Cecina, San Miniato e Quarrata. Con queste squadre Bartoletti e compagni hanno ottenuto 3 vittorie e 2 sconfitte. Ed eccezion fatta per San Miniato, con cui la Virtus è in vantaggio nel doppio confronto, le altre devono essere tutte riaffrontate nella seconda metà del girone di ritorno. 

Quindi il vantaggio rossoblù è importante ma attenzione, il diktat resta sempre lo stesso: vietato lasciarsi andare a facili entusiasmi. Come è storicamente nella cultura della Virtus. Anche se, con questo passo, la squadra di Lasi ha da temere ben poco. O quantomeno può affrontare tutti gli avversari, di questa fase e della seconda (dove si incrocerà con il girone A, quello lombardo-piementose), senza alcun timore reverenziale, forte della consapevolezza di poter dire la propria contro chiunque.


QUI COSTONE

Riprendere il percorso interrotto dopo il ko in casa dell’Us Livorno era invece l’obiettivo del Costone. Missione compiuta contro Altopascio, seppur con qualche difficoltà in più del previsto: rispetto al +60 dell’andata il +10 del PalaOrlandi è stato figlio di una partita intensa e combattuta, forse più di quanto poteva essere preventivato, anche e soprattutto per merito di un avversario che aveva impostato una difesa intensa e spigolosa come non mai. 

Il parziale decisivo è arrivato nell’ultimo quarto a dimostrazione della maggiore qualità e profondità del roster costoniano. Il tutto nonostante l’espulsione di Zeneli a inizio terzo periodo, l’infortunio patito alla vigilia da Radchenko e un generale stato di forma fisiologicamente da rivedere dopo le fatiche di Coppa Toscana. 

In ogni modo, coach Maurizio Tozzi ha sostenuto a caldo che la condizione della sua squadra non è poi così male. C’è però bisogno di lavorare e di allenarsi in palestra, ha aggiunto il tecnico costoniano. Fattore venuto a mancare a causa dei turni infrasettimanali e dei tanti impegni ravvicinati. In tutto questo “caos”, se così lo vogliamo definire, riuscire comunque a vincere e a mantenere il distacco in classifica rappresenta il miglior modo per avvicinarsi alle ultime giornate della prima fase quando i gialloverdi affronteranno, in ordine, San Vincenzo fuori casa, Prato al PalaOrlandi e Montevarchi ancora in trasferta. 


Andrea Frullanti


***
 
Leggi anche:
































 


  







  



   
 



 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (76) Anichini (69) Asciano (34) associazione (63) avversari (138) Awards (1) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (79) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (19) Coldebella (2) Colle (38) Comune (26) consorzio (71) Costone (260) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (24) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (4) Fortitudo (1) Frati (1) Frullanti (292) giovanili (41) Grandi (46) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (153) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (16) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (9) Palio a Canestro (1) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (63) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (183) Serie A (3) Serie D (26) Sguerri (22) silver (1) società (88) sponsor (30) statistiche (107) storia (71) sul campo (858) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (298) Viviani (3)