lunedì 9 ottobre 2023

Lavori in corso Mens Sana. Così fa male, e per questo servirà ancora di più per crescere

Amara, anzi amarissima, la prima trasferta stagionale della Mens Sana, battuta sul parquet di San Giovanni Valdarno dalla Synergy per 78-74 dopo un tempo supplementare. Una sconfitta che fa male soprattutto per come è maturata, ovvero con la Mens Sana recuperata e rimontata dopo aver condotto per larghi tratti l’incontro. Tanti motivi per recriminare ma, se possibile, anche tante “lezioni” di cui far tesoro per capire il campionato, il livello delle avversarie e ciò a cui si va incontro quando ci si allontana dal parquet amico. Specie adesso che, con l’avvio dei lavori al PalaEstra, la Mens Sana sarà “nomade” per almeno un mese circa.

 

LA CHIAVE

È stata una partita dai più volti, andata necessariamente a strappi, anche come può essere logico in questa fase iniziale del campionato. Alla Synergy va dato il merito di aver utilizzato una difesa fisica e tatticamente ineccepibile per riagguantare e vincere la partita, cioè limitando la circolazione di palla mensanina e cercando di disinnescare i tiratori biancoverdi. Lì la Mens Sana si è un po’ smarrita perdendo gran parte della sua confidenza. Una nota sul taccuino personale di coach Paolo Betti dunque, su cui lavorare in vista dei prossimi incontri (a partire dalla grande sfida alla favoritissima Fides Livorno): perché la crescita di un gruppo di giocatori passa anche dalla loro capacità di trovare soluzioni alternative quando gli avversari ti “scoutizzano” e trovano contro misure per limitarti. Un elemento da tenere presente soprattutto in trasferta dove, anche fisicamente, si perdono un po’ di riferimenti. Soprattutto al cospetto di avversari tutti nuovi e, pertanto, ancora da scoprire e conoscere.  

 

IL PROTAGONISTA

Con 28 punti a referto a San Giovanni, Alberto Puccioni si è confermato il principale terminale offensivo mensanino. Le sue doti tecniche vengono poi esaltate dai momenti in cui la Mens Sana riesce a trovare il suo “ritmo”, perché quando è in ritmo Puccioni diventa un tiratore ancor più affidabile di quello che già è. Le 5 triple di fila del primo tempo potevano essere il viatico per un altro risultato, poi è arrivata la Synergy a scombinare i piani biancoverdi. Peccato, la sua prestazione avrebbe meritato un altro finale.

 

L’IMMAGINE

Uno dei motivi di maggior rimpianto per la Mens Sana a San Giovanni sono i tanti errori al tiro nel finale di partita e nell’overtime, dove praticamente non si è mai segnato. Iozzi ha sbagliato gli ultimi tentativi, anche perché non è “tiratore puro” e la scelta della Synergy era stata chiaramente quella di collassare sugli altri, battezzando il numero 6 mensanino. La fotografia però, anche decisiva se si pensa a come è poi finita la partita, sono i 4 liberi falliti da Daniele Marrucci. Intendiamoci, nessuno vuole gettare la croce addosso ai due ragazzi, però il peso specifico degli errori è notevole. Segno tangibile del peso avvertito in un momento caldissimo.

 

LE ALTRE

La Fides Livorno, prossimo avversario della Mens Sana a Siena, ha battuto Carrara per 61-41. Non sorprende la differenza finale quanto soprattutto l’aver lasciato un avversario che ha buoni tiratori come CMC a soli 41 realizzati. Segno inequivocabile di come, anche difensivamente, i labronici siano indiscutibilmente una delle “grandi” di questa Serie C. Al pari di Costone e Prato per intendersi. A punteggio pieno c’è anche l’altra livornese, il Don Bosco, che a sua volta ha lasciato solo le briciole a Monsummano (78-47 il finale); mentre più equilibrata è stata la partita tra Pontedera e Cus Pisa (84-79) che ha sancito la Juve come terza capolista dopo due giornate. Nel prossimo turno, in cui riposa il Don Bosco, da tenere d’occhio è proprio la sfida tra Carrara e Pontedera che ci dirà molto sul livello delle due squadre, così come il match tra Pisa e Agliana, quest’ultima ferma ai box nell’ultimo turno.

 

Andrea Frullanti



***


Leggi anche:
   
 









 



Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (75) Anichini (69) Asciano (34) associazione (63) avversari (138) Awards (1) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (79) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (19) Coldebella (2) Colle (38) Comune (26) consorzio (71) Costone (259) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (24) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (4) Fortitudo (1) Frati (1) Frullanti (290) giovanili (41) Grandi (46) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (151) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (16) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (9) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (63) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (183) Serie A (3) Serie D (26) Sguerri (22) silver (1) società (88) sponsor (30) statistiche (107) storia (69) sul campo (857) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (297) Viviani (3)