martedì 24 ottobre 2023

Basket City: A corrente alternata o a forza elettroshock, Virtus e Costone ai poli opposti

 «No stop signs or speed limit.
Nobody is gonna slow me down»

«Nessun segnale di stop o limite di velocità. 
Nessuno mi rallenterà».

La colonna sonora di questa settimana è “Highway to hell” degli AC/DC. Del resto, la sigla che dà il nome all’ormai cinquantenaria rock band australiana è la significazione di 'Alternating Current' e 'Direct Current': cioè corrente alternata e diretta. Anche in questo caso, un simbolismo pressoché perfetto per descrivere gli umori, di polo opposto, di Virtus e Costone: segno negativo per i rossoblù, più che positivo per i gialloverdi.


QUI VIRTUS

La Virtus si lecca le ferite dopo il ko subito ad Arezzo per 70-63, campo sempre ostico nonostante la compagine amaranto non sia tra quelle di primissima fascia. E anche questo non può far altro che aumentare il dosaggio di rimpianti per la squadra di coach Maurizio Lasi che, a caldo nel post partita, ha ammesso che i suoi ragazzi non sono riusciti ad esprimersi con intensità per tutto l’arco dei 40 minuti.

Ed è questo il problema della Virtus: la continuità. Una dote di cui Olleia e compagni sembrano difettare. Per più motivi: vuoi che i singoli giocatori devono ancora conoscersi per bene sul campo, vuoi che ad inizio stagione alcuni automatismi non ci siano, vuoi che anche il buon livellamento del campionato non permetta di essere fluidi e rodati, anche per merito di avversari che spesso speculano sulle caratteristiche di chi si trovano di fronte (vedi la zona prolungata di Arezzo nella partita con la Virtus).

Ma al di là della singola partita, ciò che mette pressione è anche la formula del campionato con una regular season estremamente breve (appena 22 partite). Aver riportato 2 sconfitte nelle prime 4 giornate equivale essere arrivati a metà del girone di andata con un bottino parzialmente vuoto. Pertanto anche con una piccola zavorra da dover portare con sé nella seconda fase di campionato, dove i risultati aggregati della prima avranno un certo peso specifico. Ma, più nell’imminenza, significa che adesso il margine di errore si è ulteriormente assottigliato, di fatto quasi scomparendo.


QUI COSTONE

Torna a sorridere invece il Costone e lo fa con la forza dirompente di un elettroshock dopo essersela vista veramente brutta con l’Us Livorno. Il primo tempo concluso con 14 lunghezze di svantaggio rischiava di essere il presagio a una seconda cocente sconfitta consecutiva. Invece la reazione da grande del Costone, con un super break di 19-1 nel terzo quarto, ha fatto sì che la squadra di Maurizio Tozzi ribaltasse totalmente l’inerzia e le sorti dell’incontro. Riuscendo poi a vincere la partita – 78-71 il punteggio finale – dopo un intenso finale deciso dai canestri di Radchenko e Zeneli.

Al di là della vittoria di rimonta, che dà sempre grande morale e fiducia, si tratta di un successo importante che permette ai gialloverdi di rimettersi in carreggiata, voltando pagina dopo la sconfitta di Sansepolcro. Un’affermazione di carattere per di più, venendo fuori da una situazione difficile: elementi, questi, che non possono far altro che giovare alla causa costoniana, già rinvigorita dal rientro più che positivo di Banchi, autore di ben 17 punti. In doppia cifra anche Radchenko e Nasello con 13 punti, Zeneli con 12 e Banchero con 11. In totale 5 giocatori (di cui 4 nuovi): un ulteriore ottimo segnale per la crescita di squadra del Costone. 


Andrea Frullanti


***


Leggi anche:

  




   
 









 



 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (75) Anichini (69) Asciano (34) associazione (63) avversari (138) Awards (1) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (79) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (19) Coldebella (2) Colle (38) Comune (26) consorzio (71) Costone (248) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (24) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (4) Fortitudo (1) Frati (1) Frullanti (278) giovanili (41) Grandi (46) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (151) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (16) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (9) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (63) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (182) Serie A (3) Serie D (25) Sguerri (22) silver (1) società (88) sponsor (30) statistiche (107) storia (69) sul campo (844) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (292) Viviani (3)