domenica 16 maggio 2021

L'esordio e l'amarezza, la chiave e la costante: Mens Sana, il 30 maggio iniziano le vacanze?

Ora è davvero dura. Fucecchio passa al Palaestra con un punteggio praticamente identico alla gara di andata (stavolta è 76 a 71 per i biancoverdi fucecchiesi, all’andata era stato 77 a 71) e mette la Mens Sana nella condizione non solo di dover vincere le prossime partite, ma anche di sperare nei risultati delle altre. Ci torneremo.
 
La partita ha detto che c’è stato grande equilibrio fra le due contendenti. In un paio di circostanze nel terzo periodo, sul 42-33 prima e sul 48-41 poi, la squadra di Binella ha anche toccato con mano quel +7 che avrebbe ribaltato la differenza canestri disegnando uno scenario completamente diverso per gli ultimi ottanta minuti in arrivo.
 
La chiave della partita, più che nel finale convulso, forse sta proprio in quel terzo periodo in cui i due tentativi di allungo sono stati prontamente stoppati dalla truppa avversaria. Una volta rimessa in bilico la gara, si è andati alla battaglia finale: una tripla di Perin per il 69-70, il 2/2 di Chiti per il 71-71, poi un incredibile palo di Monacelli su una conclusione dai quattro metri. Nel calcio per un palo si griderebbe alla sfortuna, nel basket è un tiro sbagliato di qualche anno luce. Dopo il 2/2 di Berni dalla lunetta, la palla è andata a Perin per una tripla uscita corta dalle sue mani. C’era ancora una possibilità di redenzione dopo l’1/2 di Berni (71-74), ma Sprugnoli più della retina ha cercato un fischio che non è arrivato, dando modo al solito Berni di chiudere il discorso a cronometro fermo.
 
LORENZO BERNI - Mvp. Play classe 1993, di scuola Use. Ha segnato 25 punti con dieci tiri dal campo, è andato 14 volte in lunetta grazie ai nove falli subiti. Alla fine del primo periodo aveva tre falli a carico, il secondo lo ha passato tutto in panchina, poi nel terzo periodo ha commesso il quarto fallo. Rastelli non lo ha tolto dal campo, mentre la Mens Sana non è riuscita a trovare il modo di fargli commettere il quinto.
 
LA COSTANTE - La costante negativa di questa poule A sono i punti subiti: 77, 80, 79, 76. Stavolta, a differenza di sette giorni fa a Carrara, il grosso del bottino l’altra squadra lo ha fatto nel secondo tempo (45 punti), ma non cambia la sostanza del discorso. Se non si tengono gli avversari sotto quota 70 è notte fonda, anche perché di qua è difficile scollinarla.
 
IL TABELLINO - Carapelli, Monnecchi, Perin 11, Pannini 9, Iozzi 3, Sprugnoli 5, Giorgi, Manetti, Chiti 17, Sabia 2, Collet 13, Monacelli 11.
Encomiabile la prestazione di Collet, non solo per i punti messi a referto. Monacelli ancora in doppia cifra, però con undici tiri tentati e con il peggior plusminus della serata (-11). 
 
L’ESORDIO DI PERIN - 0/3 da due, 3/5 da tre, 2/4 ai liberi, 3 rimbalzi, 2 perse e 2 recuperi. Il suo ingresso è arrivato a 4’20” dalla fine del primo periodo, entrando da quattro al posto di Iozzi. Tripla a segno, tripla a segno: questi i primi due esaltanti possessi offensivi, seguiti poi da un altro canestro in post basso annullato per uno sfondamento. Poi lo abbiamo visto anche da tre, in un ‘quintettone’ con Sprugnoli, Collet, Iozzi e Chiti, e di nuovo da quattro. Al di là del ruolo, è evidente che la condizione fisica sia il limite attuale, tanto che Binella non ha potuto dargli più di 23 minuti sul parquet.
 
LA DICHIARAZIONE - “C’è grande amarezza perché abbiamo fatto la partita che volevamo fare fino all’inizio del terzo quarto poi abbiamo avuto grandi difficoltà fisiche, abbiamo dovuto tenere in campo un quintetto molto strutturato per rispondere al loro assetto particolare. Sono stati bravi a mettere la palla dentro, mentre in attacco abbiamo fatto grande fatica a prendere un tiro in situazione di vantaggio. E quando lo abbiamo costruito non l’abbiamo segnato. Rimane la consapevolezza di essere stati competitivi, ma siamo qui a recriminare per gli episodi. Sconfitta pesante, a questo punto bisogna fare un mezzo miracolo”. (coach Pierfrancesco Binella)
 
GLI SCENARI - Completato il quadro della quarta giornata, si può dire che il destino non è più nelle mani dei biancoverdi, ma in quello delle altre. Relativamente alle ultime due giornate:
Con zero vittorie) si va in vacanza il 30 maggio
Con una vittoria) resta altissima la probabilità di andare in vacanza il 30 maggio, a meno che il Costone non perda entrambe le partite: la prima a Carrara, la seconda con Fucecchio
Con due vittorie) A quota 8 si potrebbe ritrovare Fucecchio, con cui è 0-2 (-11), oppure il Costone, con cui invece è 2-0 (+6), oppure entrambe: nel caso tutte e tre le squadre sarebbero 2-2, con i gialloverdi che si porterebbero in dote uno scarto minimo di +35 su Fucecchio (il clamoroso +34 dell’andata e la vittoria nell’ultima necessaria perché si verifichi la condizione dell’arrivo a tre). 
 
LA PROSSIMA - A Pisa, domenica 23, alle ore 18. 
 
Stefano Salvadori

***

Leggi anche:  
 
 

 

 
 

 
 
 
 

 


 
 


 


 



 
 
 



 


 


 
 

 
 


 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (69) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (21) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (14) Coldebella (2) Colle (38) Comune (22) consorzio (70) Costone (67) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (2) Fortitudo (1) Frullanti (139) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (5) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (57) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (85) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (105) storia (59) sul campo (619) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (109) titoli (21) trasferte (22) Virtus (90) Viviani (3)