giovedì 25 marzo 2021

5 Momenti da Panico: Tanto a poco, il karma e i postumi

 "L'erba del centrone vicino è sempre più verde" Osho

Tanto a poco

Il punteggio finale contro Quarrata. Uno scarto particolarmente crudele e senza troppi margini di discussioni proprio come è stata la partita, trascorsa interamente a inseguire una squadra che ne aveva di più. Più centimetri, più chili, più sicurezza in quello che doveva e come lo doveva fare, mentre la Mens Sana appariva spersa in attacco e impotente in difesa contro un Toppo onnipotente. Un bagno di umiltà senza dubbio, ma anche un crocevia importante per misurarsi contro quella che è ormai dichiaratamente la testa di serie del girone. Ora sappiamo qual è il valore con cui la Mens Sana si deve misurare per avere delle ambizioni di un certo livello, la domanda è se sarà in grado di colmare un gap così vasto nelle prossime settimane.

Karma Pivotale

Il dominio di Toppo nella partita ha risottolineato per l’ennesima volta la sinistra legge del contrappasso che regola il rapporto tra la Mens Sana e i “centroni”. 

Storicamente questo rapporto ha sempre funzionato in due modi.

- La Mens Sana incontra una squadra con un centro di peso
Il suddetto centro di peso per una partita si trasforma in un incrocio tra Shaquille O’ Neal, Hakeem Olajuwon, Mazinga, Ignazio LaRussa e il diavolo della Tazmania, abbattendosi sui biancoverdi come Tavernari si abbatteva sui tiramisù.

Una rappresentazione grafica delle partite giocate da Mike Batiste contro la Mens Sana

- La Mens Sana, sfibrata dai duelli impari sotto canestro, ingaggia un centro di peso:
Il suddetto centro di peso inizia a vagare per il campo da gioco con l’agilità di uno yogurt gettato da una scarpata, provocando danni inenarrabili su entrambi i lati del campo, la disperazione costante dei tifosi e un esagerato utilizzo di Xanax da parte dell’allenatore di turno, che di lì a poco sarà costretto ad ammettere che insomma la small ball ha i suoi pregi.

Mario Kasun

Ego-Gate

"Mi vuoi-non mi vuoi-ma quanto mi vuoi" è uno scarno riassunto della lite Polisportiva-Ego Handball, rientrata sul filo di lana, ma che rischiava di lasciare la Polisportiva senza uno degli affittuari del palazzo, merce piuttosto rara di questi tempi. A tal riguardo sono passati quasi due mesi dall'ultima volta in cui si è parlato dell'agibilità del Palasport (in scadenza a ottobre) e da allora non ci sono state più notizie al riguardo. Del resto a detta dell'assessore Benini "bastano" 700-800mila euro, perché preoccuparsi.

Postumi

Come uscirà la Mens Sana dalla batosta di Quarrata? Lunedì c'è Empoli e secondo me sono sul tavolo i seguenti scenari:

- Scenario Iron Man 2: l'impatto con la prima sconfitta e la consapevolezza della propria mortalità trascina i biancoverdi in un gorgo auto distruttivo, fatto di alcol, donne ed esplosioni in villini di lusso. Sprugnoli viene ritrovato da coach Binella la mattina della partita mentre mangia un McChicken sul tetto del McDonald con addosso la vecchia tuta della mascotte ranocchia.

- Scenario Generale Figliuolo: viene istituito un regime militare durissimo e una caccia alle streghe per trovare i colpevoli dei passi falsi precedenti. Viene destituito Caliani e al suo posto viene ingaggiata Letizia Moratti.

- Scenario Coach Carter: Binella inizia a chiamare tutti gli schemi con i nomi delle sue ex fidanzate, si preoccupa morbosamente del percorso di studi di Pannini e nessuno quindi ci capisce più nulla. Ma nel caos generale che ne deriva Empoli ne esce spiazzata e sconfitta. Benincasa viene costretto a chiedere una borsa di studio per ingegneria aerospaziale.

Binella nel pre partita

Opposto

Come l'andamento di Costone e Virtus in queste prime partite. Da una parte la formazione di Spinello continua a marciare imbattuta, dall'altra parte il Costone nello scorso fine settimana era stato costretto a una nuova battuta d'arresto. Opposte sembrano anche le fortune, al Costone in queste settimane è andato storto praticamente tutto quello che poteva andare storto, la Virtus invece dopo quattro vittorie consecutive è a un soffio dalla poule promozione.
Il Costone ha dimostrato però in queste partite di poter essere una formazione molto più pericolosa di quanto dica al momento la classifica, e la roboante vittoria contro Galli nel turno infrasettimanale ne è l'ennesima prova. Servirà un mezzo miracolo per avere la meglio nel prossimo turno della Quarrata vista contro la Mens Sana, ma di crediti col fato da spendere i gialloverdi ne hanno... 


***

Leggi anche:  
 
 
 
 



 


 


 
 

 
 







 
 




 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (69) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (21) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (14) Coldebella (2) Colle (38) Comune (21) consorzio (70) Costone (67) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (1) Fortitudo (1) Frullanti (139) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (89) Minucci (28) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (5) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (56) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (85) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (105) storia (59) sul campo (617) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (109) titoli (21) trasferte (22) Virtus (90) Viviani (3)