sabato 29 febbraio 2020

In Ghiaccio

Affare bisestile. La Mens Sana ha tesserato Roberto Chiacig. No, calendario alla mano non è l'estate del 2000, quella dell'Olimpiade di Sydney, in cui il centro della Nazionale è insieme al compagno Scarone il primo colpo di un certo livello della nuova era mensanina, targata Monte dei Paschi.

No, non è neanche l'estate 2014, quella della ripartenza dalla Serie B dopo il fallimento. Cinque anni e un'altra ripartenza dopo, siamo ancora qua. La storia di Chiacig non è quella da libro cuore della bandiera che passa tutta la carriera o quasi con una maglia, ma quella di un giocatore con una carriera di alto livello e longeva, rimasto comunque sempre legato alla città. Agli annali capitano della Mens Sana dal 2000 al 2006, poi di nuovo nel 2014/15, in questa veste Ghiaccio ha alzato al cielo i primi trofei della storia biancoverde: (QUASI la Coppa Italia 2002,) la coppa Saporta del 2002, lo Scudetto del 2004, la Supercoppa 2004.

A 45 anni e qualche mese, fermo dalla scorsa stagione quando ha giocato in Serie C Gold lombarda con Soresina (poi promossa in Serie B), nell'ultimo mese aveva chiesto di allenarsi con il gruppo di Promozione di coach Pierfrancesco Binella. La decisione di queste ore è arrivata di conseguenza, spinta da ragioni di opportunità nel giorno in cui si chiudono i tesseramenti.

Senza obblighi da nessuna delle parti: il gruppo ha costruito con le proprie qualità e col lavoro in palestra il riconquistato primo posto in classifica; Ghiaccio era fermo da tempo e a più di 45 anni portarsi dietro 210 centimetri per 28 metri di campo, avanti e indietro, in mezzo ad avversari e compagni con una fisicità diversa, non è banale neanche per chi in carriera ha vinto uno scudetto, due coppe europee, un argento olimpico, un oro e un bronzo europeo, sempre da protagonista, e prescinde dal fatto che si parli in fin dei conti di Promozione.

Per la partita con Impruneta Ghiaccio non è tra i convocati, in teoria potrebbe anche non giocare mai. Ma così ci si tiene aperta una porta, reciprocamente. E la storia continua.



***


Storia da Grandi: Brenci promosso e la roccia Thornton, il -30 a Kazan e il Messina dimesso












Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (56) Asciano (34) associazione (60) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (25) città (13) Coldebella (2) Colle (38) Comune (19) consorzio (70) Costone (44) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) Fortitudo (1) Frullanti (115) giovanili (36) Grandi (36) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (30) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (143) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (8) palazzetto (3) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (52) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (67) Serie A (3) Sguerri (22) società (81) sponsor (27) statistiche (105) storia (51) sul campo (573) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (103) titoli (21) trasferte (22) Virtus (57) Viviani (3)