lunedì 20 gennaio 2020

I feel Promotion: Il vuoto subito, il vero mvp delle trasferte e l’equilibrio delle rotazioni

-15, +40. Non sono coordinate da inserire su Google Earth per scoprire un angolo di mondo incantato. 15 sono le partite che mancano alla fine della Promozione, presumendo di vincere per 2-0 entrambe le serie di playoff; 40 sono i punti di scarto rifilati alla nona in classifica. D’altronde, dopo averne dati 52 alla quarta, era ipotizzabile che un certo tipo di divario contro una squadra peggiore fosse ottenibile passeggiando. Stando alle cronache di chi c’era, -15 era anche la temperatura percepita all’interno del palazzo dell'Atletica Castello. Da questo punto di vista però il Palaestra offre una buona opportunità per temprarsi…

LA PARTITA - Quale? Quella che dopo otto minuti stava 25-3? O quella che a inizio secondo periodo era sul 38-10? Limitiamoci al finale, 84-44, per dire che una Mens Sana attenta, concentrata e determinata è in grado di fare il vuoto subito, neutralizzando con calma ogni velleitario tentativo avversario di ristabilire un minimo di equilibrio, pardon, un minimo di decenza al punteggio scritto sul tabellone.

I SINGOLI - Il nostro personale Mvp va al telecronista ufficiale delle partite in trasferta, Alessandro Petri, senza il cui preziosissimo apporto sarebbe dura seguire la diretta sul canale facebook. Se ci mettiamo la collocazione della telecamera dietro ad uno dei due canestri, nell’angolo destro (non si poteva fare diversamente, ai lati della piccola palestra di via del Pontormo non c’è proprio posto) e la numerazione delle maglie avversarie (bianco su bianco con bordatura nera, un po’ come una bella divisa degli Heat ai tempi di LeBron James, ma l’effetto non era lo stesso e Castello non ha in roster LeBron…), capirci qualcosa senza le sue parole sarebbe stata un'impresa impossibile.
Ah, sì, poi ci sono i ragazzi sul parquet. Nota di merito per Collet, che partirà in quintetto per un mese abbondante al posto di Franceschini: ne ha messi 21. Questo il tabellino completo: Carapelli 5, Pannini 12, Sprugnoli 13, Giorgi, Manetti 11, Bruni 10, Di Domenico 1, Falsini 2, Collet 21, Toscano, Dolfi 7, Santini 2.

LA DICHIARAZIONE - “Abbiamo approcciato molto bene la partita, segnando e difendendo molto bene, assistiti anche dalle percentuali. Nel secondo quarto gli avversari hanno cercato di spostare la fisicità dalla loro parte riuscendoci, come dimostra il fatto che il parziale alla fine è stato di 19-19. Nell’intervallo abbiamo riordinato le idee, eravamo caduti in qualche situazione pericolosa. Ci eravamo un po’ innervositi, abbiamo ripreso un po’ di fiducia e il ritmo con cui avevamo iniziato il primo quarto. Avevamo l’obiettivo nell’arco della stagione di far crescere i nostri giovani, l’infortunio di Franceschini forza questo processo. I ragazzi si stanno facendo trovare pronti, stasera abbiamo approfittato del vantaggio per dare minuti a tutti. L’obiettivo è quello di avere sempre più una rotazione equilibrata tra senior e giovani, speriamo di poter proseguire su questa linea”. (Coach Piefrancesco Binella)

LA PROSSIMA - Si gioca venerdì alle 21, perché c’è da lasciare il proscenio alla handball (ma pallamano era così brutto? o la dicitura inglese fa più figo?) che giocherà contro l’ennesima compagine altoatesina della categoria e al volley che per due volte in tre giorni sfiderà Bergamo. L’avversario è Castelfiorentino, quinta 'forza' del torneo: memori della figuraccia presentando la sfida con Dlf Firenze (“ci sono motivi di interesse”, “antipasto di playoff”), l’unica osservazione da fare è riportare il punteggio dell’andata, 71-41.



***

Leggi anche: 

Storia da Grandi: I 9000 contro Varese, Anchisi da centrocampo e il passing game di Brenci

I feel Promotion: L'intensità, i gomiti, le zone e il canestro delle paste. Per 727

Oggetti smarriti: I tubetti di Voltaren di Ksistof

Storia da Grandi: Impresa da ragazzi a Cagliari, la rissa con Pistoia e Gorenc "Cristo redentore"

I feel Promotion: La prontezza dopo la pausa, le vittorie sporche, il contributo dei ragazzi

Cosa resta della Mens Sana Basket 1871

Storia da Grandi: Capodanno sullo Stretto e quel Bobby Brown da annali contro il Fener-Mens Sana

Storia da Grandi: L'Ignis vincitutto battuta, Ezio out, il ritorno di Bucci, il crack di Rimas

I feel Promotion: La ripartizione tra senior e under, la lotta a tre e lo zoccolo duro

Storia da Grandi: La prima vittoria esterna in A e il primo vero primato, Vidili, Lampley ed Eze

Oggetti smarriti: Le Nike low "Kobe" di Nikos

I feel Promotion: Un'altra passeggiata, l'attesa dei playoff e lo stop di Libero

Storie da Grandi: La pioggia, le rimonte a Roma e col Barça, l’ultima in Eurolega (e di Hackett)

I feel Promotion: Tanti a pochi, spazio agli Under, gli esperimenti e le date da segnarsi

Storia da Grandi: Bovone inarrestabile e i primi 100, Hackett onnipotente e Bootsy atto III

5 momenti da Panico: Le invenzioni, i brutti momenti e le Augustorie









Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (69) Anichini (56) Asciano (34) associazione (60) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (25) città (14) Coldebella (2) Colle (38) Comune (20) consorzio (70) Costone (46) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) Fortitudo (1) Frullanti (115) giovanili (36) Grandi (36) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (30) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (143) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (8) palazzetto (4) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (54) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (67) Serie A (3) Sguerri (22) società (84) sponsor (28) statistiche (105) storia (52) sul campo (574) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (105) titoli (21) trasferte (22) Virtus (58) Viviani (3)