domenica 23 febbraio 2020

I feel Promotion: Come con Avellino, la difesa della ripresa e finalmente la domenica alle 18

C’è un numero, il 2, che identifica bene le ultime due partite della Mens Sana. Sono i punti concessi nel terzo quarto a Libero, otto giorni fa, e alla Poggibonsese, nell’ennesima sfida vinta ‘tanto a poco’. Si narra che coach Binella abbia gradito relativamente l’atteggiamento difensivo nel primo tempo e abbia messo a rischio l’intonaco degli spogliatoi nel chiedere, a voce alta, un’intensità superiore nel presidiare la propria area. Non può che essere soddisfatto della risposta avuta dalla squadra.

Senza Dolfi e Carapelli, oltre ai lungodegenti Franceschini, Mancini e Barbucci, la truppa biancoverde ha maramaldeggiato in un secondo tempo chiuso col parziale complessivo di 45-10, dimostrando vieppiù che al termine dell’agonia di partite ne mancano solo sette (più quattro, al massimo sei, di playoff). Poi il livello delle avversarie crescerà. Perché la categoria sarà un’altra. Quale, lo scopriremo più avanti.
 
AMARCORD - È finita 87-42, un punteggio assolutamente identico a quello di un Montepaschi-Avellino di un secolo e mezzo fa, terza giornata della stagione 2005/2006. C’erano già membri che avrebbero fatto la storia biancoverde, come Kaukenas e Stonerook per citarne un paio, c’era anche l’oggetto misterioso Justin Hamilton, c’era un giovanissimo Gigi Datome, quando forse non erano ancora visibili in lui (da tutti, o solo da qualcuno) doti da Nba. Non era a referto per infortunio ma era in quel roster anche Duane Woodward, cacciato con ignominia qualche tempo dopo. Molti giocatori dell’attuale roster mensanino avevano fra i tre e i cinque anni e, diversamente dal sottoscritto, non possono ricordarsi assolutamente nulla di quella partita.

I SINGOLI - Quei bambini adesso sono diventati dei ragazzi grandi che a Poggibonsi sono stati protagonisti. Se la sono giocata col piglio giusto, da Milano a Giorgi, da Santini a Toscano. Forse nelle prossime due gare avranno qualche minuto in meno, ma nelle ultime cinque di regular season avranno modo di dimostrare ancora i progressi fatti in questi mesi di duro lavoro. La prova nel tabellino: Pannini 7, Sprugnoli 5, Giorgi 9, Manetti 20, Bruni 3, Gualtieri, Falsini 4, Collet 12, Toscano 4, Milano 12, Santini 11.

LA DICHIARAZIONE - “Siamo partiti giocando un po’ in punta di piedi, sotto ritmo. Poi ci siamo sciolti, difendendo bene come avevo chiesto di fare sin dall’inizio. Abbiamo ruotato tutti, anche i più giovani, avendo buone risposte. Nell’intervallo ho suggerito un diverso atteggiamento in campo ai ragazzi, la squadra ha recepito le mie parole e sono molto contento di questo. Può capitare di partire un po’ a rilento, l’importante è ritrovare poi il giusto atteggiamento. Sono molto soddisfatto del contributo dei giovani, mi piace segnalare soprattutto la prestazione di Giorgi e Santini, oltre a Milano. Hanno garantito qualità e quantità. Ho detto ai ragazzi che ci aspettano due settimane importanti di lavoro, affrontiamo due squadre che hanno le qualità per darci fastidio”. (coach Pierfrancesco Binella)

LA PROSSIMA - Si gioca (sviluppi dell’emergenza coronavirus permettendo…) domenica alle 18!!! È un evento raro, da prendere a cuore. Non sarebbe male se quel dato di 1003 presenze con Libero fosse avvicinato, replicato o addirittura superato. L’avversario è di buon livello, quell’Impruneta che occupa la terza posizione e che ha giocato un eccellente girone d’andata, anche se adesso non appare in forma super, soprattutto fuori casa, avendo perso le ultime due trasferte, una sul difficilissimo campo del Maginot, l'altra sul meno ostico parquet di Fucecchio.


***

Leggi anche: 

5 Momenti da Panico: I punti di vista, il Pride, il trash talking

Storia da Grandi: Ghiaccio monumentale e la Mens Sana nell'Olimpo con una Coppa... solo sfiorata

I feel Promotion: Il bello del derby, la difesa del 3° quarto e il primato, festa per 1003

Oggetti smarriti: Il tatuaggio di Boris

Storia da Grandi: La prima volta in tv, Behagen, Kakiouzis e la diaspora prima e dopo Trapani

I feel Promotion: La gestione, gli infortuni, il biglietto sì/no/boh, la Kiss Cam a San Valentino

Storia da Grandi: Il +16 sul Barça sotto la neve. E la perdita di un amico: ciao Alberto

Storia da Grandi: I liberi di Bovone con Varese, Quercia, Tassi e la scazzottata con la Fortitudo

5 momenti da Panico: Le assenze, Eddie e il fomento

Oggetti smarriti: I polsini di Romain


Storia da Grandi: La beffa con la Canon, il mese d'oro di Solfrini. E le miserie dell'era Macchi

I feel Promotion: Il vuoto subito, il vero mvp delle trasferte e l’equilibrio delle rotazioni












Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (54) Asciano (33) associazione (60) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (25) città (13) Coldebella (2) Colle (37) Comune (19) consorzio (70) Costone (43) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) Fortitudo (1) Frullanti (112) giovanili (36) Grandi (25) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (30) Maginot (1) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (129) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (6) palazzetto (3) personaggi (18) Pianigiani (4) Poggibonsi (30) Polisportiva (52) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (59) Serie A (3) Sguerri (21) società (79) sponsor (27) statistiche (105) storia (30) sul campo (569) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (100) titoli (21) trasferte (22) Virtus (56) Viviani (3)