mercoledì 29 gennaio 2020

5 momenti da Panico: Le assenze, Eddie e il fomento

"Dove c'è rissa c'è Promozione" (Anonimo minors)

Quattro 

Come i minuti che la Mens Sana ha impiegato per segnare il primo canestro dal campo, salutato come un gol all’ultimo minuto della finale di Champions League da quanta sofferenza c’è voluta per raggiungerlo. Onore a una Castelfiorentino che di certo non era arrivata a palazzo per fare la vittima sacrificale di turno, ma che ha cercato in tutti i modi di non far correre i biancoverdi, paralizzarli in attacco e tentare di incastrare i meccanismi che ultimamente sembravano funzionare in automatico. Una dimostrazione di come ormai gli avversari abbiano ben chiaro qual è il gioco di questa Mens Sana e che da qui in avanti non sarà possibile prenderli di sorpresa.

Eddie l'arbitro

Una dovuta celebrazione per l'arbitro più coreografico e scenografico che abbiamo incontrato fino a ora. Con le sue movenze sinuose e ritmiche ha ricordato sia un immortale Jorge José Emiliano Dos Santos, sia un sinuosissimo Eddie dei Simpson. Grazie di averci regalato certi momenti.

Lo stesso fascino con cui chiamava gli sfondamenti

Assenze

Dolorosa e che peserà molto sul lungo termine quella di Nicco Franceschini, a cui auguro una pronta guarigione. Senza dubbio però l'assenza che potrebbe schiacciare il gruppo di coach Binella è quella della barba di Duccio Petreni, scomparsa nel nulla generando sconcerto e sgomento da più parti. Per evitare che il morale del gruppo crolli nelle prossime settimane, data questa dolorosa perdita, propongo tre alternative posticce in sua sostituzione. I tifosi sono pregati di votare l'opzione preferita, coach Petreni sarà poi obbligato a indossare la vincente per il resto della stagione.

Personalmente preferisco la terza

Fomento

Quello mostrato in difesa e che ha permesso che la partita restasse in mano alla Mens Sana, anche nei momenti in cui segnare in attacco era un'agonia peggiore di quella volta in cui Casella disse che l'allenamento non sarebbe finito finché non avrebbe fatto un 3/3 dall'arco. La voglia che tutti i biancoverdi hanno messo in attacco ha fatto la differenza tra un brutto primo tempo e un incubo. Arrivando per primi su ogni pallone vagante non hanno solo impedito a Castelfiorentino facili canestri, hanno anche ripetutamente frustrato il loro morale e il loro entusiasmo, che poteva davvero diventare una miccia pericolosa da gestire.

"Basta un post-partita così, a rallegrare quaranta minuti di Promozione" (semicit)

Gli animi tesi durante e nel post partita sono costati due turni di squalifica all'allenatore di Castelfiorentino, ma da parte nostra sono valsi un grande spettacolo a cui assistere dopo la sirena finale. L'ira di coach Binella ha illuminato una serata altrimenti costellata di difficoltà e poco spettacolo.
Grazie di tutto.
Quando volete ripetere siamo a disposizione.

(Menzione d'onore per un Caliani in evidente difficoltà come paciere perché era il primo ad avere la vena tappata).



Storia da Grandi: I 9000 contro Varese, Anchisi da centrocampo e il passing game di Brenci








Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (55) Asciano (34) associazione (60) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (25) città (13) Coldebella (2) Colle (38) Comune (19) consorzio (70) Costone (44) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) Fortitudo (1) Frullanti (114) giovanili (36) Grandi (33) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (30) Maginot (1) maglia (3) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (139) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (8) palazzetto (3) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (52) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (63) Serie A (3) Sguerri (22) società (80) sponsor (27) statistiche (105) storia (42) sul campo (573) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (102) titoli (21) trasferte (22) Virtus (56) Viviani (3)