venerdì 22 marzo 2024

Così in campo: Mens Sana, antipasto di playoff. Costone imbattuto. Virtus, la trasferta più dura

Aria di playoff alla Mens Sana: strappata con un anticipo inatteso la certezza di partecipare, la partita con San Vincenzo (terza) è per i biancoverdi (secondi) un probabile antipasto di quella che potrebbe essere la semifinale, importante ai limiti del decisivo per il fattore campo nella serie. Il Costone capolista apre il weekend a casa Sancat mentre in B Interregionale la Virtus è attesa dalla trasferta più tosta del play-in Gold, a Saronno, proprio ora che lo scivolone interno con Casale ha rimesso in discussione anche il posto ai playoff. 

 

QUI MENS SANA

Ripartita di slancio con il +25 su Sansepolcro per metter via le scorie della sconfitta col Costone, il risultato notevole dei playoff aritmeticamente conquistati con un girone di anticipo non esime la squadra di Betti dal tenere il piede sull'acceleratore. Il calendario le propone in casa davanti al proprio pubblico la partita in questo momento forse più pesante della poule promozione biancoverde, perché la sfida a San Vincenzo vale una fetta notevole del fattore campo al primo turno playoff: vincere chiude i giochi, perdere li riapre. Il +6 mensanino all'andata è l'unica partita persa nella seconda fase da San Vincenzo, per restituire la misura della forza di una squadra che sa vincere anche in trasferta, come ha dimostrato nella prima fase a Prato e in entrambe le partite fuori casa della poule promozione, in casa di Pino e soprattutto di Agliana. Aver limitato Camillo Bianchi (uomo da oltre 20 di media) a 9 punti e Persico a 6 nella prima partita è stata una prodezza tale da essere molto difficilmente ripetibile, giocare a campi invertiti inevitabilmente cambierà anche il tipo di partita, e come detto probabilmente ci si ritroverà anche più avanti: il piano partita è complesso, la Mens Sana ha dalla sua la fiducia della forza dei risultati. Palla a due alle 18 di domenica al PalaSclavo.

 

QUI COSTONE

Dopo l'en plein di un girone di andata da 4 su 4, il ritorno della squadra di Tozzi comincia dal campo della Sancat, società fiorentina nata negli anni '90 dalla parrocchia di Santa Caterina da Siena a Coverciano, a un rettilineo di distanza dal Centro Tecnico Federale della Figc. Squadra di forte matrice giovanile - col 39enne Simone Berti e il 36enne Magini uniche chiocce di una nidiata di 19enni terribili cresciuti insieme, da Euzzor a Baldasseroni, da Pinarelli a Ricci, con in più il 22enne Pracchia - non per caso è particolarmente pericolosa in casa, dove riesce meglio a giocare il suo basket di ritmo, aggressività e corsa. E dove ha battuto Sansepolcro nella seconda fase e Agliana nella prima, quando però soprattutto ha inflitto alla Mens Sana l'ultima sconfitta prima di una serie vincente di 11 gare chiusa proprio dal Costone. All'andata al PalaOrlandi vinsero i gialloverdi 77-56, palla a due alle 19 di sabato al PalaSancat di Firenze. 


LA CLASSIFICA

CostoneMens Sana 16; San Vincenzo 12; Pino, Agliana, Prato 8; Sancat, Sansepolcro 6.
 
  
LE ALTRE PARTITE 
Pino-Sansepolcro 
Agliana-Prato 

 

 

QUI VIRTUS 

Ultima di andata per la squadra di Lasi sul campo della prima forza del gironcino di play-in, Saronno. Prima forza, e anche di gran lunga l'attacco più prolifico, ma non per questo imbattibile: se nella prima fase aveva perso in doppia cifra di margine sia a Pavia che a Casale, due settimane fa con San Miniato è arrivata anche la prima sconfitta casalinga stagionale. E se è evidente che contro la Virtus vorrà ritrovare le certezze di una stagione intera al ritorno tra le mura amiche, è forse anche il momento migliore in cui andare a Saronno se la si vuole trovare vulnerabile. C'entra il fatto che in questa seconda fase i lombardi hanno dovuto fare a meno del 36enne ma ancora performante Andrea Negri, il più esperto ma certo non l'unico riferimento di un roster che conta tra i lunghi anche i prodotti locali Pellegrini e soprattutto il forte centro Quinti, oltre agli esterni Nasini e De Capitani e all'ala Romanò. Non che manchi profondità e qualità alla Virtus per andare a giocarsela credendoci, oltre più di fronte al rischio concreto di essere raggiunti al sesto e ultimo posto playoff da San Miniato, che gioca in casa di Gazzada ultima. Palla a due alle 21 di sabato a Saronno.

 

LA CLASSIFICA
Saronno, Empoli, Cecina 12; Pavia, Casale 10; Virtus 8; San Miniato 6; Gazzada 2.

 

LE ALTRE PARTITE
Casale-Cecina 
Pavia-Empoli 
Gazzada-San Miniato
 

 

***

Leggi anche:




  

 


 

 
 

  

 

 
 



 

 
 

 

 
 

 
 
 







 
 
 
 
 
 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (75) Anichini (69) Asciano (34) associazione (63) avversari (138) Awards (1) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (79) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (19) Coldebella (2) Colle (38) Comune (26) consorzio (71) Costone (246) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (24) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (4) Fortitudo (1) Frati (1) Frullanti (275) giovanili (41) Grandi (46) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (151) mercato (93) Minucci (28) Monciatti (16) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (9) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (63) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (180) Serie A (3) Serie D (23) Sguerri (22) silver (1) società (88) sponsor (30) statistiche (107) storia (69) sul campo (842) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (291) Viviani (3)