mercoledì 7 novembre 2018

St.Sal.Stats: Two is megl che three

La scorsa settimana avevamo parlato del grande uso del tiro da tre, spiegando come la squadra faccia uso simile delle conclusioni dall’arco rispetto a quelle dal pitturato. Anche con Rieti non siamo andati lontani nella distribuzione (33 tiri da due, 27 da tre). Avevamo però anche notato che non c’era una correlazione statistica tra questo rapporto e i risultati. Cosa che invece c’è se si guarda la percentuale da due punti
   
… eh grazie, direte voi, pensando al 75,7% (25/33) messo in scena da Poletti e compagni contro Trapani. Se tiri così bene da due come fai a perdere? Ci torneremo, intanto si può notare che la Mens Sana 2018/19 ha una linea di demarcazione ben definita. In sei gare di campionato ha tirato col 50,5% da dentro l’arco dei 6,75 (per un complessivo 106/210). Se va sopra media, vince, se sta sotto, perde: per ora è andata così. 55,9% a Tortona, 51,5 con Rieti, 52,9 a Cassino, 75,7 domenica scorsa. Viceversa 27,8 a Casale, 42,5 con Latina. I risultati finali di queste partite li sapete.

Nessun altra voce ha un’incidenza così netta: si è vinto col 39% da tre (a Tortona), ma anche col 25 (Trapani); andando in lunetta tanto (24 volte con Rieti) e quasi mai (10, a Cassino), perdendo una valanga di palloni (19, a Tortona) oppure regalando poco o nulla (8 perse con Cassino), sfiorando quota 100 in valutazione (99, con Trapani) ma anche restando sotto quota 70 (69, a Tortona). Viceversa, col tiro da due non ci sono difformità: se si sta sopra il 50% arriva una vittoria, se si sta sotto sorridono gli avversari.

Al buon Mandriani il compito di spiegare le chiavi tattiche per cui con Trapani c’è stata questa scorpacciata di punti dentro l’area. 

Qui ora ci si limita ai raffronti storici. Per dire che tirare col 70% e passa serve davvero una giornata speciale, anche per macchine da basket quali erano quelle del settennio dorato. La squadra dello scorso campionato oltrepassò la soglia del 60% da due (mai quella del 70); arrivarono cinque vittorie (Agrigento, Eurobasket, ancora Agrigento, Biella, Treviglio) e una sola sconfitta (Reggio Calabria). In altre undici occasioni fu tirato sopra il 50%, ma ci furono solo cinque vittorie. Anche nel 2016/17 ci furono quattro partite oltre il 60% (quattro vittorie, con Casale, Rieti, Tortona e Trapani), più altre undici oltre il 50% (con sei vittorie). Mentre nel 2015/16 furono appena due le gare con percentuale da due oltre il 60 (Barcellona e Trapani, di nuovo).

Per ripescare una prestazione da oltre il 70% da due bisogna tornare indietro alla stagione 2013/14: vittoria a Pesaro (94-69) con 24/34 da due (70,6). La lunga rincorsa di una performance migliore rispetto al 75,7 di domenica va indietro fino al 30 maggio 2009, gara1 di semifinale playoff. 28/36 (77,8%) da due nel 107-79 sulla Benetton Treviso. Il top degli ultimi anni è stato il 23/29 (79,2%) nel 95-68 del 2007/08 su Scafati. Contro chi si gioca domenica?



***




Basket City: Virtus quanto è tosta la B. Il cuore (del Treccia) non basta. In C Magic Colle





Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (59) Anichini (46) Asciano (12) associazione (58) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (15) Catalani (3) città (10) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (15) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (61) giovanili (32) Griccioli (12) inchiesta (68) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (28) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (87) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (1) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (47) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (70) sponsor (26) statistiche (105) sul campo (495) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (88) titoli (21) trasferte (22) Virtus (30) Viviani (3)