mercoledì 21 novembre 2018

St.Sal.Stats: Poletti&Pacher, la strana coppia. I numeri della convivenza

Pacher e Poletti, Poletti e Pacher. Per i voti ci pensa Panico, per i personaggi ci pensa Sguerri, per le questioni tecnico-tattiche ci pensa e ci penserà Mandriani. Qui si studiano i numeri dei due lunghi. Sono buoni, finora, e anche piuttosto omogenei. Ma
  
…in realtà, il dilemma estivo sulla perfetta combinazione dei due insieme non è ancora stato del tutto risolto. Andiamo per ordine:

Le medie di Pacher e Poletti dopo l'ottava giornata
Come si vede, la differenza globale di rendimento “numerico” è minima. A livello di medie, dopo otto giornate, fra i due lunghi titolari non sembra davvero esserci grande differenza, se non nella distribuzione dei rimbalzi (meglio Poletti offensivamente, Pacher difensivamente) e una maggior precisione del nativo di Vandalia dalla lunetta. Per il resto siamo veramente lì, con una distanza ridotta per punti, percentuali, numero di conclusioni, assist, valutazione. È il come si è arrivati a queste medie, che rilancia i dubbi sulla complementarità del numero quattro e del numero cinque titolare.

Riavvolgiamo il nastro di pochi giorni, a sabato sera. Pacher 29, Poletti 5. Ok, va bene così, vinto di 18 contro quelli che sette giorni prima avevano espugnato Agrigento. Ma poche settimane fa, a Cassino, dove Poletti non aveva neanche giocato tanto (venti minuti) per via di un problema fisico a partita in corso, erano stati 16 i punti di Mitch, 1 solo quello di Pacher. Anche lì vittoria agevole, di 17. Solo una volta, per punti segnati, sono andati contemporaneamente oltre la propria media (cioè oltre 14,3 Pacher, oltre 13,3 Poletti): è accaduto con Latina.

Ecco, quante volte i due vanno contemporaneamente sopra le proprie medie? Si fa abbastanza veloci: per minuti, liberi tentati e rimbalzi contro Rieti, per punti, minuti, tiri da due tentati, tiri da tre segnati, liberi segnati, rimbalzi e valutazione contro Latina, per liberi tentati e segnati contro Treviglio. Stop. In tutte le altre partite e in tutte le altre voci, solo uno (o nessuno dei due) è andato oltre la propria media. Tradotto in parole povere, solo contro Latina, quando mancava Marino (c’entra qualcosa? Peraltro il capitano mancava anche pochi giorni prima con Casale), i due hanno prodotto contemporaneamente una partita sopra i propri standard. Altrimenti è facile che uno dei due incida sulla partita molto più di quanto non faccia l’altro.

Meglio attendere altre puntate per collegare meglio numeri e considerazioni sui risultati. Certo è che nelle due circostanze in cui entrambi sono stati nettamente sotto media, a Casale e con Scafati, sono arrivate due sconfitte, una nettissima e l’altra meno netta ma comunque chiara. Però quando entrambi sono andati sopra la media, è arrivato il ko con Latina.





***








Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (12) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (36) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (75) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (92) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)