lunedì 6 gennaio 2020

I feel Promotion: La prontezza dopo la pausa, le vittorie sporche, il contributo dei ragazzi

Vittoria 66-46 a Montespertoli (pardon, a Molino del Ponte, Baccaiano) per la penultima giornata del girone d’andata. La Mens Sana archivia un altro successo e prosegue la rincorsa a Libero attesa, nella giornata di martedì 7, dal derby esterno con la Maginot. È stata una partita che non ha visto la presenza in panchina di Pierfrancesco Binella, colpito nella mattinata di domenica dalla perdita della madre. Condoglianze coach, un abbraccio sincero da parte di tutta la redazione di Pallalcerchio, di cui sei stato valido collaboratore nell’angolo tecnico un paio di stagioni fa.

Sembra passata un’epoca, c’erano Ebanks e Turner, c’era chi parlava di scudetto in tre anni, chi prometteva mari e monti. Invece ora c’è Dolfi, autore di 19 punti e mvp di una partita dai contenuti sicuramente diversi rispetto a quelle che l’hanno preceduta. Molto più sporca, spigolosa, con tanti viaggi in lunetta, una gara che a tratti, specialmente nel primo tempo, c’è stata eccome, pur con i problemi insiti della categoria (da non sottovalutare l’impossibilità del tiro da tre dall’angolo, per chi calza scarpe oltre il 42 non c’era modo di tenere i piedi in campo). E con il problema dei rimbalzi sotto il proprio canestro: non ci sono numeri ufficiali (altra pecca di questo campionataccio quando si gioca fuori), ma la sensazione è che Montespertoli ne abbia presi molti di più, soprattutto nei primi venti minuti.

I SINGOLI - Di Dolfi abbiamo già parlato. Con Franceschini disarmato dall’influenza, con Falsini nelle vesti di oggetto misterioso, ci piace sottolineare il contributo di Carapelli, autore di quattro punti nel primo tempo. E un canestro di Milano che non avrà inciso sul risultato finale (si era già nel quarto periodo con vantaggio in doppia cifra) ma che è arrivato dopo che la squadra era ferma a quota 58 da quattro minuti abbondanti. Per la fredda cronaca, questo è il tabellino: Dolfi 19, Manetti 10, Carapelli 4, Pannini 11, Sprugnoli 11, Bruni 3, Di Domenico 2, Falsini, Collet, Franceschini 4, Toscano, Milano 2.

LA DICHIARAZIONE - “All’inizio è stata una partita molto equilibrata, interpretata bene all’inizio, poi ci siamo un po’ complicati la vita da soli forse con un atteggiamento un po’ meno pronto del loro soprattutto sui secondi tiri e sulle palle sporche, questo ci ha portato ad avere una partita a contatto molto pericolosa nei primi due quarti. Nell’intervallo ci siamo chiariti le idee, soprattutto dal punto di vista difensivo, lo dimostrano i sedici punti che abbiamo concesso. Anche l’attacco alla zona è stato molto più fluido, specialmente ad inizio ripresa quando abbiamo fatto il parziale che ci ha permesso di andare via e che abbiamo mantenuto fino in fondo con aggressività e concentrazione, quelle doti che ci hanno permesso di perdere una sola partita finora. Un applauso ai ragazzi, non era facile, dobbiamo continuare così”. Nicola Discepoli, vice allenatore Mens Sana.

LA PROSSIMA - Si gioca sabato, alle 18,30, al Palaestra contro A.Dil.Dlf Firenze, che in questo turno deve ancora giocare (lo farà martedì sera) una sorta di spareggio per il quarto posto contro Accento Gialloblù Castelfiorentino. Non mancano i motivi di interesse, dunque, perché di fatto la prossima casalinga potrebbe essere una sorta di antipasto dei playoff, cui parteciperanno le prime quattro della categoria. Ma aprile è ancora tremendamente lontano.



***

Leggi anche: 

Cosa resta della Mens Sana Basket 1871

Storia da Grandi: Capodanno sullo Stretto e quel Bobby Brown da annali contro il Fener-Mens Sana

Storia da Grandi: L'Ignis vincitutto battuta, Ezio out, il ritorno di Bucci, il crack di Rimas

I feel Promotion: La ripartizione tra senior e under, la lotta a tre e lo zoccolo duro

Storia da Grandi: La prima vittoria esterna in A e il primo vero primato, Vidili, Lampley ed Eze

Oggetti smarriti: Le Nike low "Kobe" di Nikos Zisis

I feel Promotion: Un'altra passeggiata, l'attesa dei playoff e lo stop di Libero

Storie da Grandi: La pioggia, le rimonte a Roma e col Barça, l’ultima in Eurolega (e di Hackett)

I feel Promotion: Tanti a pochi, spazio agli Under, gli esperimenti e le date da segnarsi

Storia da Grandi: Bovone inarrestabile e i primi 100, Hackett onnipotente e Bootsy atto III

5 momenti da Panico: Le invenzioni, i brutti momenti e le Augustorie











Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (55) Asciano (34) associazione (60) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (25) città (13) Coldebella (2) Colle (38) Comune (19) consorzio (70) Costone (44) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) Fortitudo (1) Frullanti (114) giovanili (36) Grandi (34) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (30) Maginot (1) maglia (4) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (140) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (8) palazzetto (3) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (52) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (64) Serie A (3) Sguerri (22) società (80) sponsor (27) statistiche (105) storia (44) sul campo (573) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (102) titoli (21) trasferte (22) Virtus (56) Viviani (3)