lunedì 14 marzo 2022

Tripla da pazzi di Menconi sulla sirena, ciao Fucecchio in rimonta: è corsa a due col Costone

Oplà, che triplazzo. Nella maniera più spettacolare possibile la Mens Sana sbanca Fucecchio (72-70) e conquista la dodicesima vittoria consecutiva. Lo fa con una bomba spaziale di Marco Menconi, scagliata col countdown che si approssimava allo zero e la sirena che suonava mentre la parabola si appoggiava dolcemente in fondo alla retina.
  
Detto che questo tipo di vittorie sono le più belle, con buona pace delle coronarie, la Mens Sana è arrivata al successo in una serata da montagne russe, dopo un primo tempo ottimo, un terzo periodo da incubo e un finale thrilling in cui la tenuta delle suddette coronarie è stata davvero messa a dura prova.
  
LA RIMONTA - Risalendo da -12, 60-48 a 6’ dal termine, i bianco(nero)verdi tornavano sopra di uno e poi entravano nell’ultimo giro di lancette avanti 69-65 grazie ad un 6-0 con due bombe di Pannini. Finita? Macchè. Di là Orsini rispondeva con un altro siluro, ripristinando il -1. Tognazzi falliva il solito tiretto dalla media per chiudere i conti, Berni andava dentro trovando un contatto da due liberi, realizzati con estrema freddezza. Fucecchio avanti 70-69, tre secondi da giocare. La bontà di avere un timeout a disposizione, dal quale si esce con Sprugnoli in rimessa nella metà campo offensiva e altri quattro esterni pronti a sparare. Lo fa Menconi, bruciando la retina e facendo impazzire chiunque, di gioia e di rabbia, a seconda delle parti in causa.
 
LA MOSSA - Che Binella non ami i centri è risaputo, fosse solo per lui probabilmente non sarebbero neanche nel roster. E così, quando la partita si è messa male, si è affidato alla soluzione più gradita. La rimonta parte con un quintetto in cui il più alto sfiora a malapena il metro e novanta, cinque esterni pronti a aggredire il canestro in attacco, a cambiare sempre in difesa, marcando forte in anticipo il centro avversario e spendendo un fallo quando non era possibile farlo. La mossa si è rivelata vincente.
 
IL PARADOSSO - La situazione paradossale è che, in vista del fatidico 27 marzo, +2 in classifica o pari è la stessa cosa. Cioè, smaltita la goduria per l’incredibile finale, gli effetti della spingardata di Menconi per ora non producono effetti tangibili sulla graduatoria. Lo faranno se, nelle prossime due partite, la Mens Sana dovesse fare bottino pieno e se il Costone dovesse inciampare proprio a Fucecchio. Altrimenti si dovrà andare comunque nel comune di Monteriggioni con l’obbligo di vincere per mantenere il primo posto.
 
IL TABELLINO - Monnecchi, Menconi 11, Pannini 18, Iozzi 7, Sprugnoli 1, Benincasa 8, Allemann, Milano, Del Cucina 2, Sabia 10, Bovo, Tognazzi 15.
 
BANDIERA GIALLA - Vittoria di ampio scarto a Livorno, sponda Liburnia. 88-57 per la squadra di Fattorini, che il grosso dello sforzo lo aveva fatto quattro giorni prima, piegando a domicilio Altopascio nel recupero della quattordicesima giornata. Alla palestra La Bastia il solco viene scavato in un terzo periodo da 29-11, passando dal comunque confortevole +14 dell’intervallo al +32 della terza sirena. 16 punti per Niccolò Mencherini, 14 a testa per Franceschini, Silveira e Ondo Mengue.
 
LE ALTRE - Pontedera - Vela 70-60, Invictus - Cmc 72-67, Altopascio - Campi Bisenzio 71-66, Laurenziana - Us Livorno 71-68, Audax - Montale 69-71, Valdera - Biancorosso 71-74. Per questa classifica: Mens Sana 44, Costone 42, Altopascio e Campi Bisenzio 34, Fucecchio 32, Laurenziana e Biancorosso 30, Valdera 28, Montale 24, Cmc e Liburnia 22, Audax 16, Us Livorno 12, Pontedera 6, Vela e Invictus 4. Per la prima volta da novembre la classifica non ha bisogno di interpretazioni: in settimana si erano infatti completati i recuperi, tutte le squadre hanno lo stesso numero di partite giocate.
 
LA PROSSIMA - Delicatissima, perché al Palaestra, alle 18, arriva Altopascio, fresca di vittoria nello spareggio per il terzo posto con Campi Bisenzio, regolata per 71-66. In grande evidenza Salazar, autore di 28 punti. All’andata fu 72-67 per la Mens Sana, brava a rimontare da -9 nel terzo periodo, sospinta dai 17 punti e dai recuperi di capitan Pannini.

Stefano Salvadori 


  
***
 
Leggi anche: 































 
 
 


 
  

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (70) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (22) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (16) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (70) Costone (87) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (2) Fortitudo (1) Frullanti (173) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (60) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (125) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (106) storia (59) sul campo (672) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (110) titoli (21) trasferte (22) Virtus (125) Viviani (3)