domenica 4 luglio 2021

La soluzione della questione palazzetto

E' stata individuata una strada per risolvere, e non più rimandare, i problemi del PalaEstra, che in questo momento non è agibile per il pubblico spettacolo dopo la scadenza dell'ennesima deroga lo scorso 30 giugno. Gli ultimi fattivi aggiornamenti dicono che la Polisportiva è pronta a far partire un piano di intervento - deve solo scegliere quanto esteso, tra le varie possibilità che le sono state prospettate - che riguarderà sicuramente i lavori al tetto del palasport. Servirà un'altra deroga, per accompagnare il periodo da qui alla soluzione definitiva, ma il fatto che questa soluzione sia già stata individuata, che ci siano dei progetti in approvazione e delle coperture in via di stanziamento fa sperare che stavolta dopo anni di incertezze possa essere qualcosa di diverso da un rinvio fine a se stesso. 

La Polisportiva è orientata a gestire l'operazione attraverso un general contractor, figura prevista dal codice dei contratti a cui affidare nella totalità la realizzazione dell'opera, dalle pratiche amministrative fino al progetto e all'esecuzione dei lavori. Sulla scia dell'accordo con Estra per il rinnovo decennale dell'intesa per il naming del palazzetto - già in essere dall'ottobre 2010 con la multiutility dell'energia a capitale pubblico - il general contractor individuato è Estra Clima, società del Gruppo Estra che si occupa di questo tipo di lavori e che ha prospettato una serie di possibilità di intervento a seconda delle capacità di spesa (che possono arrivare potenzialmente anche a un milione di euro, ma molto difficilmente potrà essere questo l'ammontare delle opere), importi abbattuti comunque di fatto in una misura interessante dai previsti bonus fiscali per i lavori di sismica e di efficientamento energetico. 
 
Non rientra in questo tipo di bonus l'intervento da 350-400mila euro per la messa in sicurezza del tetto del PalaEstra, le cui saldature originali risalenti a 45 anni fa minano dal 2017 la concessione del Certificato di idoneità statica dell'edificio, ragione per cui da ormai quattro anni e mezzo l'utilizzo dell'impianto per le manifestazioni sportive è stato possibile solo in deroga. Al di là delle necessarie soluzioni tecniche che verranno percorse in termini di liquidità, a rendere comunque sostenibile l'intervento per la Polisportiva è la possibilità di ammortizzarlo nel giro di 10-15 anni grazie ai risparmi sulle utenze da decine di migliaia di euro l'anno resi possibili dall'altra parte dell'intervento, quella legata all'efficientamento (illuminazione, infissi, ecc...), e in quanto tale oltretutto agevolata (e coperta in una percentuale variabile) dai citati bonus. 

A decidere a quale parte dell'intervento procedere, in una forbice che va dal "solo" tetto all'intero ventaglio delle opere proposte (poco verosimile che si opti per uno o l'altro estremo, più probabile una qualche forma di via di mezzo) sarà naturalmente la Polisportiva, prevedibilmente a questo punto con l'elezione dei nuovi organi di cui è previsto il rinnovo nelle prossime settimane. Nel frattempo il panorama degli inquilini del palazzetto ha vissuto il turnover tra l’addio della pallamano, dopo la rinuncia alla Serie A della Ego, e l’arrivo del volley femminile della Giotti Victoria, ambiziosa società fino all’anno scorso a Colle che punta alla Serie A (ma al momento è in Serie C) e occuperà un po’ di slot del calendario settimanale del campo.

***

Se anche fossero deliberati nel minor tempo possibile, i lavori avranno poi bisogno di tempo per essere eseguiti. Un partner della portata di Estra è garanzia per lo svolgimento delle opere non solo per la Polisportiva ma anche per chi è chiamato ad autorizzarle. In presenza di uno studio di fattibilità e di un progetto approvato, e appunto con un soggetto di questo livello a garanzia dell’intervento, ci sono validi motivi per aspettarsi da parte della Commissione di Vigilanza (di cui fa parte il Genio Civile insieme a Comune, Questura e Prefettura) la deroga di un ulteriore anno dell'agibilità del palazzetto, visto che come già negli anni scorsi - e di mezzo c’è stato il Covid - non sarebbe in discussione la sicurezza in sé dell'impianto ma l’osservanza delle normative di legge entrate in vigore negli anni relative all'esercizio del pubblico spettacolo. 

Deroga utile stavolta non a procrastinare ancora il problema, ma ad accompagnare alla sua soluzione nell'estate 2022, quando sono in programma i lavori, la cui durata fu quantificata a suo tempo dall'allora presidente della Mens Sana Basket 1871 Andrea Viviani in circa sei mesi, anche se l'obiettivo della Polisportiva sarebbe riuscire a realizzarli nel periodo della sosta estiva tra una stagione e l'altra. Altre informazioni sul progetto in ballo potrebbero emergere già all'assemblea in programma al palasport nella serata di lunedì 5 luglio dell'Associazione Io Tifo Mens Sana, che relazionerà i soci per quanto di propria conoscenza. 
 

***

Leggi anche:  
 
 
 


 
 

 
 
 


 
 

 
 

 

1 commento:

  1. secondo quanto aggiunge La Nazione oggi in edicola, dietro al progetto dei lavori al palasport c'è anche l'idea della Polisportiva di tornare a usare l'impianto per spettacoli, concerti ed eventi culturali. Con le dichiarazioni dell'assessore Paolo Benini: "Come amministrazione comunale consideriamo positivamente l'idea di trasformare il PalaEstra in una struttura multifunzionale. Comunque nelle more serve un progetto e un cronoprogramma dei lavori, poi si passerà alla firma dell'accordo, com'è avvenuto per lo stadio Franchi"

    RispondiElimina

gli argomenti

altre senesi (69) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (21) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (14) Coldebella (2) Colle (38) Comune (22) consorzio (70) Costone (67) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (2) Fortitudo (1) Frullanti (139) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (5) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (57) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (85) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (105) storia (59) sul campo (619) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (109) titoli (21) trasferte (22) Virtus (90) Viviani (3)