giovedì 17 febbraio 2022

Il ribaltone Mens Sana è una prova di forza: +25 nel big match. E ora la capolista se ne va

La sfida tanto attesa finalmente si è giocata. Ed è stata la partita più avvincente della stagione. La Mens Sana spazza via Fucecchio (85-60) mettendo un ampio cuscinetto di sei lunghezze tra sé e una delle formazioni più accreditate del lotto. Una festa, per come è arrivato il successo e per le implicanze che ha sulla classifica. Sia in termini concreti, di punti, sia in termini psicologici, di messaggio da destinare alla concorrenza.
  
Concorrenza che c’è, ed è qualificata. Fucecchio per venti minuti comanda le operazioni, usa meglio mani e corpo, fa valere la propria struttura fisica prevalendo nettamente a rimbalzo (24-16) e procurandosi tanti viaggi in lunetta (18). C’era da temere un secondo tempo simil Costone, che avrebbe gettato foschi presagi sulla parte restante della stagione. Capitolo a parte per Berni, che già si era esaltato da queste parti nel campionato precedente: alla pausa ne aveva messi 16, facendo temere il bis. Poi però nella restante parte della gara il suo fatturato si è limitato ad un solo punto, amministrazione di un fallo tecnico.
 
INVECE NO - Mettendo in campo un tonnellaggio superiore (Sprugnoli insieme a Bovo e Sabia, oltre a Tognazzi e Pannini) la partita cambiava sui due lati del campo. Offensivamente, con un terzo periodo da 7/13 da due e 5/6 da tre, oltre al perfetto 4/4 dalla lunetta. Difensivamente, concedendo agli avversari negli stessi dieci minuti 1/5 da due e 1/7 da tre. E a rimbalzo: di 18 palloni a disposizione, 15 finivano nelle mani biancoverdi. Pardon, sono biancoverdi anche gli altri. Allora diciamo BiancoNEROverdi, visto che quest’anno il ‘terzo’ colore abbonda.
 
CINQUANTUNO A QUINDICI - Così dal -14 del ventunesimo minuto di gara si passava al +11 della terza sirena che poi diventava il trionfale +25 finale. Il terzo periodo da 33-11 ha contribuito a rimettere in partita tutti, anche quelli che nel primo tempo avevano fatto una fatica estrema. Così le rotazioni disposte dalla coppia Petreni-Discepoli (con il primo in piedi a guidare le operazioni, mentre il secondo figurava a referto come capo allenatore) non hanno fatto scendere di un decibel l’intensità di squadra. Il quarto periodo da 18-4 (quindi il totale del secondo tempo è 51-15) ha dato quella rotondità al punteggio interessante anche in ottica doppio confronto, qualora se ne dovesse palesare la necessità.
 
FATTORE CAMPO - Spesso è un concetto fine a se stesso. Stavolta no. Non dopo un paio di chiamate arbitrali discutibili: un tecnico a Sabia per aver protetto (troppo veementemente? Non sembrava) un rimbalzo difensivo, un passi a Bovo cui era stata letteralmente aperta la fronte in un contatto sotto canestro. Lì, oltre a rivedere la gente ai cartelloni pubblicitari, si è definitivamente incendiato un palasport che non attendeva altro per rivivere momenti del genere.
 
IL TABELLINO - Monnecchi, Menconi 5, Pannini 21, Iozzi 5, Sprugnoli 9, Giorgi, Benincasa 4, Milano, Sabia 14, Santini, Bovo 6, Tognazzi 21. Per Sabia anche 13 rimbalzi, 9 invece per Milano, quasi uno al minuto. Di squadra risalta il 13/26 dai 6,75. Nel tabellino ufficiale spiccano due plusminus: +34 per Pannini, +32 per Sabia.
 
LE ALTRE - Si è giocato anche il recupero Altopascio-Vela, terminato 59-47. Per questa classifica: Mens Sana 34, Costone 30, Altopascio e Fucecchio 28, Campi Bisenzio 26, Laurenziana 24, Valdera 22, Biancorosso e Cmc 20, Montale 18, Liburnia e Audax 16, Us Livorno 6, Vela, Pontedera e Invictus 2. Costone, Altopascio, Laurenziana, Valdera, Biancorosso, Liburnia e Vela 1 gara in meno, Us Livorno 2 gare in meno.
 
LA PROSSIMA - Domenica, alle 18, contro Audax Carrara. Attenzione, perché inizialmente si doveva giocare alle 20,30, quindi è facile che da qualche parte sia rimasto scritto così, ma poi è stato ripristinato il canonico orario delle 18. All’andata fu sfida corri e tira, vinta 91-85 dalla Mens Sana. Risultato niente affatto scontato, ma la squadra vista nel secondo tempo contro Fucecchio non può temere nessuno, tanto più se l’affronta sul proprio parquet.

Stefano Salvadori 


  
***
 
Leggi anche: 



























 
 
 


 
  

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (70) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (22) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (16) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (70) Costone (87) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (2) Fortitudo (1) Frullanti (173) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (60) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (125) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (106) storia (59) sul campo (672) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (110) titoli (21) trasferte (22) Virtus (125) Viviani (3)