domenica 6 marzo 2022

Prove di continuità per la Virtus. Lucca e Livorno in trasferta per il definitivo rilancio

Energia e determinazione, attitudine e applicazione difensiva. Lo dicevamo una settimana fa, lo confermiamo anche oggi: se la Virtus mette in campo queste doti ha tutte le carte in regola per scalare la classifica e centrare un piazzamento playoff. Questi i fattori che hanno determinato il successo interno nello scontro diretto contro Agliana: 71-66 il punteggio della seconda vittoria consecutiva per i ragazzi di coach Spinello.

 
IL MOMENTO DECISIVO
Decisiva è stata la capacità della Virtus di reagire ai colpi che le aveva inferto Agliana, a partire dalla tripla di Zita dalla propria metà campo che aveva regalato un rocambolesco +7 agli ospiti al termine del primo quarto. Ma è solo dopo il +9 di Agliana che il team virtussino ha trovato la forza e la capacità di reagire: la difesa rossoblù è salita di tono e, offensivamente, la squadra è andata in crescendo riuscendo addirittura a chiudere in vantaggio la prima metà dell’incontro.

LA CHIAVE
Il match poi si è trascinato in un continuo botta e risposta tra le due squadre che non si sono assolutamente risparmiate. La Virtus è stata premiata poi dalla sua capacità di commettere meno errori rispetto agli avversari, un’altra dote preziosa che - auspicabilmente - dovrà sempre accompagnare il cammino dei rossoblù. Al pari della capacità di distribuire punti e responsabilità: contro Agliana in 5 hanno concluso l’incontro in doppia cifra (Olleia 10, Lenardon 11, Imbrò 11, Nepi 18 e Zambonin 11 punti).

IN CAMPIONATO
Si apre adesso una settimana intensa per la Virtus, attesa dal recupero della partita con Lucca e dalla trasferta di domenica a Livorno contro il Don Bosco. Due partite sulla carta abbordabili ma anche due incontri in trasferta, fino a questo momento autentico tallone di Achille della stagione virtussina. E’ la prova del nove per i ragazzi di Spinello, è l’ora di mettere a frutto i progressi fatti vedere nelle ultime due uscite, dando continuità a risultati e prestazioni. Lo ripetiamo anche questa settimana: è un momento chiave nell’annata rossoblù, è questo il tempo di farsi trovare pronti all’appello. 

Andrea Frullanti


***

Leggi anche:  

 La Virtus risorge a Pisa. Vittoria di carattere, è la possibile svolta dell'annata 

La discontinuità condanna la Virtus: non ci sono più margini d'errore, è il momento della verità

Assenze, la prima di Drigo e una Spezia più forte. Virtus battuta e fuori dalla zona playoff

L'addio di Bruno, il mercato e 7 partite (più una). Virtus, è il mese che decide la stagione

Mal di trasferta, assenze e classifica fluida. La sottile linea di galleggiamento della Virtus 

Giovani, concreti e decisivi. La Virtus batte Valdisieve e mette in mostra i suoi gioielli 




 
 
 

 
 
 
 

 


Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (25) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (92) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (178) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Monciatti (1) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (125) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (106) storia (59) sul campo (676) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (130) Viviani (3)