venerdì 2 ottobre 2015

Vigilia di campionato in tribunale

Solo per ricordare che è organizzata per la mattinata della vigilia di campionato, alle 11 davanti al tribunale, la manifestazione pensata dal Comitato La Mens Sana è una Fede “per tenere viva l’attenzione sulla triste vicenda sportiva e ancor più per caldeggiare l’approdo delle indagini nelle competenti sedi di giudizio”. Si parla naturalmente dell'inchiesta Time Out sui conti della Mens Sana Basket dichiarata fallita nel luglio 2014.

Non c'è molto da commentare. Nelle inchieste contano i fatti, la sostanza. Un'inchiesta non è una chiacchiera da bar. Ci sono di mezzo persone, le loro vite, e per quanto spesso imperfetta la giustizia umana (tirata di qua o di là nei casi più deteriori dalle furbate delle difese o dagli eccessi di zelo delle accuse) ha molti più strumenti della pubblica gogna per definire i contorni delle azioni delle persone coinvolte, che possono essere inferiori di quanto addebitato o possono anche andare oltre.

Al momento non si sa con esattezza neanche quanto addebitato, per dire a che punto siamo. Le accuse vengono rese note alla fine di un'inchiesta e quest'inchiesta invece - avviata nel 2012 - è ancora aperta. Ci saranno dei motivi se è così, devono esserci, sennò crolla tutto. Ma non si può dire che sia fuori luogo il desiderio di sapere almeno di cosa si sta parlando, quali sono le accuse, a chi, per cosa. Per vedere almeno il primo passo perché poi attraverso un dibattimento si arrivi a una convincente verità giudiziaria.

Limitandosi quindi alla cronaca, parola a chi questa manifestazione l'ha organizzata, il Comitato, che attraverso il suo presidente Alessandro Lami l'ha presentata così a Basket Forum:

"L'iniziativa consiste nello spronare chi deve portare avanti questa inchiesta. Serve a non far calare l'attenzione su un'indagine importantissima, non solo per la Mens Sana. Ovviamente soprattutto per la Mens Sana, ma come ci ha detto la Guardia di Finanza sono spariti dei bei soldini, e quindi avremmo piacere come tifosi mensanini ma anche e soprattutto come cittadini di Siena di sapere come sono spariti e dove sono andati a finire". 

"Non si parla più da tanto tempo dell'inchiesta Time Out. Siamo certi che chi deve lavorare sta lavorando. Ma vogliamo essere sicuri che non si vada verso una prescrizione che sarebbe oltremodo delittuosa visto tutto quello che è successo. Vogliamo sapere chi e come ci ha fatto pare questo passo indietro, dall'Eurolega e dalla finale scudetto ci siamo trovati a giocare in Serie B non per demeriti sportivi". 

"C'è stato un fallimento, c'è stata anche una certa spettacolarizzazione con manette, arresti domiciliari e quant'altro... Chiediamo che questa inchiesta arrivi finalmente alla sua logica conclusione. non è giustizialismo, questo, è richiesta di giustizia, una cosa ben diversa. Chiediamo che se ci sono delle responsabilità a qualsiasi livello e di chiunque siano, vengano fuori e siano perseguite secondo la legge italiana, non chiediamo niente di più". 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (12) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (36) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (75) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (92) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)