martedì 6 ottobre 2015

Ondate

Ranuzzi, Udom e DiLiegro, e dalla panchina bene Cucci, Borsato e Bucarelli. L'impressione dell'occhio ha sempre un senso, e dopo la partita con Latina ha detto questo sui mensanini che sono andati meglio. Si fa prima a dire chi non c'è, gli americani, e allora forse si capisce che è anche una questione di aspettative. Riesaminata momento per momento, però, la prima giornata aiuta a vedere meglio alcune sfumature su chi c'era in campo quando la Mens Sana ha girato meglio.

La partenza falsa (4-12) è da addebitare al quintetto, ma c'era sempre il quintetto titolare (3 punti di Ranuzzi, 6 di DiLiegro) nel 9-2 del rientro fino a -1 in meno di tre minuti, solo nell'ultima parte coi quattro piccoli, ovvero con Borsato al fianco dei due Usa e Ranuzzi, più il centro. Così come è sempre col quintetto dei titolari che è arrivato il 9-0 in 3' nel cuore del terzo periodo che ha messo la partita sui binari mensanini, dal -1 al +8.

E' il rilancio che è arrivato con quintetti diversi, quel 12-2 in 5' dal 52-48 al +14 a 7' dalla fine, da cui Latina non è mai rientrata oltre i due possessi di svantaggio. Prima andando piccoli, con Borsato (decisivo uomo d'ordine) a fianco dei due americani. Poi ancora più piccoli, pur nel rispetto dei ruoli, con Cucci al posto di DiLiegro a fianco di Udom. E infine tornando "convenzionali" ma con freschezza, con Bucarelli al posto di Bryant. Tanto che le bombe del 64-50 le hanno messe le "forze fresche" Cucci e Bucarelli appunto. E' l'allungo che ha dilatato il punteggio, ed è per questo che è rimasto più negli occhi, e perché è arrivato per ultimo. Ma scosse importanti c'erano state anche prima.

E anche dopo. Roberts ha giocato una grande partita? No. Ma cinque dei suoi 9 punti li ha segnati nell'ultimo minuto. Ma non di fuffa. Perché forse Latina non sarà stata veramente pericolosa, ma era comunque tornata da -14 al -6 entrando nell'ultimo giro di lancette. E in quei citati momenti migliori, il Diamantone era sempre in campo.

Lo stesso Truck, pur con le sue caratteristiche che andranno necessariamente avvicinate col tempo e il lavoro a quelle dei compagni, in un ruolo in cui Borsato oggi è fondamentale, ha comunque giocato una partita di quantità, dal primo quarto con il primo canestro della partita e una tripla nella rimonta, fino al quarto periodo con due canestri e due assist in quegli ultimi tre minuti. Poi la storia non è fatta solo di quando si danno gli strappi ma anche di quando si prendono, o di quando si tiene botta per non prenderli. E soprattutto di questa storia si è visto per ora solo il primo episodio.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (48) Asciano (14) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (4) città (12) Coldebella (2) Colle (18) Comune (18) consorzio (69) Costone (24) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (75) giovanili (36) Grandi (2) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (97) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (11) Polisportiva (51) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (43) Serie A (3) Sguerri (13) società (77) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (512) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (94) titoli (21) trasferte (22) Virtus (35) Viviani (3)