lunedì 8 giugno 2015

LA MENS SANA HA VINTO IL CAMPIONATO

Questa serata forse la può raccontare solo chi era a Cecina. La può capire veramente solo chi era a Cecina. Le lacrime di chi era a Cecina. 8 giugno 2015: da oggi è agli annali come una delle date da ricordare nella storia della Mens Sana, come altre date che ogni tanto è capitato di evocare come un richiamo del sangue. E' il giorno in cui la Mens Sana ha vinto il campionato. Uscendo con un successo 78-83 da gara-4 a Cecina dopo un supplementare, il risultato che vale il 3-1 nella finale playoff del Girone A di Serie B. Vincere in casa della più fiera, valorosa e qualitativa avversaria della stagione - al di là delle tensioni della serie - è il sigillo che legittima il traguardo.

Sabato c'è la Final Four, c'è la Fortitudo, c'è Carraretto, per la promozione sul campo; domenica l'eventuale seconda chiamata contro la perdente di Rieti-Agropoli. Poi ne salgono in A2 tre su quattro, e che la quarta poi resti giù (anche se le dichiarazioni ufficiali sono chiare) ci si crede quando si vede, perché non esiste. E anche per i puristi, salire con un ripescaggio dopo aver vinto il proprio campionato non è come salire con la wild card o comprando i diritti, significa comunque esserselo conquistato sul campo. Comunque la si veda, ne manca una. Oggi, 8 giugno, la rinata Mens Sana è dove sognava di essere undici mesi fa, quando è partita questa esperienza. E allora è giusto, e liberatorio, celebrare questa serata, perché non è vero che ancora non si è fatto niente. Poi si vedrà.

Tutto sembrava andare sulla carta nella direzione ideale. Una partita non a basso punteggio, tornando a macinare viaggi in lunetta, con Vico di nuovo molto coinvolto, il più impiegato insieme a Ranuzzi, limitando Sanna (6 punti, 3/7) e Gambolati (8 punti con 2/10), e ben venga una gran prova di Del Testa (15 punti, 4/7 da tre) perché nei precedenti era stato sinonimo di sconfitta per Cecina... Tutto così simile allo scenario migliore auspicato nelle chiacchiere da bar della vigilia. Però in campo, alla prova dei fatti e del tabellone del punteggio, non andava in manera così trionfale.

Dopo essere stata avanti per quasi tutto il secondo tempo, anche a +10 (firmato Vico) poi rimangiato, a tre minuti dalla fine la Mens Sana era sotto di 1. E avrebbe perso se, col cronometro dei regolamentari a zero, sul -1 Caroti - entrato d'urgenza al posto di Rossato che aveva subito fallo - avesse segnato entrambi i tiri liberi. Segno che le chiacchiere da bar e il basket a tavolino valgono comunque quello che valgono. Di tiri liberi Caroti ne ha poi segnato uno solo e si è andati al supplementare. E' chiaro che poi si può recriminare anche sullo 0/2 di poco prima di Chiacig, o su altro ancora.

E a 2' dalla fine dei supplementari c'era ancora Cecina a +1. Poi Parente ha infilato 10 punti di fila, una tripla e 7/8 ai liberi, mentre dall'altra parte Fratto, Caroti, Gambolati e Bruni sparavano a salve. Vinta più col sospirone di sollievo, stavolta, che con merito. Ma a questo punto conta indiscutibilmente solo il risultato. Che sia stato il volto più sofferente della stagione a metterci così la firma non cancella niente, ma certo è una storia nella storia. E comunque un posto nel poster se lo meritano i colletti blu: Panzini, che ha scelto il giorno giusto per il massimo stagionale di 17 punti; Ranuzzi, il più operaio dei big mensanini, alla miglior partita dell'anno contro Cecina, contro cui nei sei precedenti era stato spesso irriconoscibile; Sergio, perché l'utilità del suo inserimento da qualche gara non si vedeva più, e a sua volta ha trovato il giorno giusto per il suo massimo di punti con la Mens Sana.

Non esageriamo a spacciarla come una buona notizia, perché la Fortitudo sapeva già di essere qualificata quando la Mens Sana ancora doveva giocare gara-1 con Cecina, ma chiudere la finale in quattro partite concede tempi un minimo civili per preparare la Final Four promozione: non meno di tre giorni come sarebbe dovuto essere, ma cinque giorni. Quasi normale. Della Final Four ci sarà modo di riparlare: di certo questo weekend non c'è mare che tenga, è vero che la Fortitudo riempirà il palazzo, ma quei mille biglietti mesi a disposizione dalla Lega vanno comunque mandati esauriti. E' dai tempi delle Final Four di Eurolega che la Mens Sana non muove un esodo così consistente. E che sia l'ultima volta della Mens Sana su un campo di Serie B.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (63) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (90) mercato (76) Minucci (25) Moretti (1) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (38) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (34) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (391) Tafani (11) tifosi (79) titoli (20) trasferte (22) Viviani (3)