mercoledì 3 giugno 2015

Bene, bravi, (fate il) bis

Si dice "è 'solo' 1-0" per dire che c'è tutta la serie davanti, tutta ancora da giocare. Giusto e inappuntabile. Ma 1-0 è l'obiettivo massimo raggiunto di chi si dà come meta solo la partita che ha di fronte, come deve essere in una serie potenzialmente equilibrata e sicuramente difficile come quella tra Mens Sana e Cecina.

Non la si considera tale né per buone maniere né per le frasi fatte, ma per la consapevolezza di chi c'è di fronte e del cammino che ha fatto fin qui, per quanto l'autostima e la consapevolezza dei propri mezzi in casa mensanina sia non solo comprensibile ma anche doverosa. Già vincere quindi non era scontato, figurarsi se lo era vincere gara-1 in questa maniera, di 27 punti.

Difesa, seconde linee, Chiacig, Gambolati: le possibili chiavi sono tante. Quello che resta è la consapevolezza che quando si vince così, con una tale prova di forza, non è un caso. Peraltro in striscia (anche se la lunga pausa lo fa dimenticare) con il +26 esterno da soli 49 punti subiti in gara-3 di semifinale a Livorno. Meno dei 51 punti fatti segnare a Cecina, la Mens Sana ne aveva concessi prima dei playoff solo a Empoli e Torino: squadre in lotta salvezza, stavolta si parla di finale promozione... Ci vuole una gran preparazione e una bella testa.
 
Il rovescio della medaglia è la consapevolezza che Cecina è molto meglio di così. Non per le semifinali vinte con 20 punti di scarto medio, ma per quanto fatto vedere in tutto l'anno (mai meno dei 53 punti segnati a Livorno, in un'altra giornataccia), e quanto fatto vedere anche nei due precedenti con la Mens Sana. Nell'ottica della singola partita è legittima la soddisfazione di aver imbavagliato Cecina, nell'ottica della serie è doverosa la presenza di spirito di aspettarsela diversa nelle prossime puntate. Ricordarsi della storia di questo sport e ricordare la reazione della Mens Sana a quel -48 in casa dell'Olympiacos non è una gufata, ma un monito per dare un volto reale ai luoghi comuni tipo "si riparte da 0-0".

Crescerà Cecina, anche per l'esperienza acquisita conoscendo i temi fisici, tecnici, tattici e ambientali della serie. Dall'altra parte, più che crescere, alla Mens Sana serve confermare la difesa di questa gara-1, che ha tenuto Cecina 24 punti sotto la media stagionale, al 40% da due e al 20% da tre con 16 palle perse, con 20 soli punti segnati nei quarti centrali, e con tre dei migliori quattro giocatori (Gambolati, Fratto e Caroti, unica eccezione Sanna) ben al di sotto dei loro standard. La prestazione di Gambolati è stata un crocevia della serata, non solo per il dato numerico dell'1/12 al tiro ma per come è arrivato: trovando duro sotto, contro Chiacig, e non riuscendo ad avvantaggiarsi quando si è allontanato per il tiro da tre (in stagione ha il 37%). Se certi tiri entrano cambia la partita, e la serie, evidentemente.

Che nel resto della serie Cecina provi a togliere a Chiacig certe ricezioni, o altrimenti a fermarlo col fallo, è abbastanza scontato: nel quarto periodo si è visto un abbozzo di contromisura. Starà alla Mens Sana vanificarlo, togliendo a Cecina questo riferimento con un cambio delle rotazioni o facendogli pagare questa scelta in altre fasi del gioco. Le pedine cominciano a muoversi sullo scacchiere, ma intanto la prima mossa ha dato alla Mens Sana l'1-0. Tutto si tiene: la prestazione di Chiacig, non una sorpresa visti i precedenti stagionali, ha catalizzato la grande spinta arrivata alla Mens Sana dalla panchina.

E' stato il primo giro di rotazioni a scavare il solco nel secondo quarto, con la staffetta composta da Chiacig (8 punti di fila), Ondo Mengue e Panzini (dopo il 3° fallo di Parente), attorno a Vico (comunque in una serata da 0/6 da tre e 5 perse), mentre la rottura del flusso difensivo di Cecina ne ha mandato in bomba l'attacco: 6 punti (due canestri) negli ultimi 9' del primo tempo da 1/9 da tre e 5 perse, 17-3 mensanino negli ultimi sei minuti prima del riposo per spaccare l'equilibrio. Poi, quando sul +11 al 23' la partita poteva ancora riaprirsi, è arrivato l'8-0 che ha chiuso i giochi, fino a superare poi anche i 30 punti di margine. Ma tutto questo avrà senso solo se si riuscirà a salvare il fattore campo vincendo anche gara-2. L'unica meta che c'è di fronte è solo la prossima partita.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (47) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (92) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (36) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)