martedì 27 gennaio 2015

Conoscere Cento

Due giorni alla gara di andata dei quarti di Coppa Italia con Cento ed è tempo di conoscere chi sfiderà la Mens Sana, lasciando invece alla giornata della vigilia la possibilità di completare un inquadramento su cosa significa questa partita e cosa sarà giusto chiedere a questo doppio appuntamento. Primo dato di fatto: a distanza di un mesetto dalla fine dell'andata, è saltato il "meccanismo di incrocio" tra un girone e l'altro, ovvero che la prima di un girone dovesse affrontare la seconda dell'altra.

La Mens Sana ha riconquistato il suo primato del Girone A, dopo averlo perso. Cento è salita vertiginosamente da quel secondo posto traballante (conquistato definitivamente solo all'ultima di andata) all'attuale primo posto di prepotenza, a +2 su Udine e +6 su Montichiari e Bologna. Certo, c'entra l'implosione di Montichiari, che ha perso tre delle ultime quattro gare (una settimana fa proprio a Cento) e ne ha riposata una. E la Fortitudo ne ha perse due su quattro, più un turno di riposo. Ma soprattutto c'entrano le nove vittorie di fila proprio di Cento. Intorno a quali caratteristiche?

Una difesa solida. Per punti subiti la terza meno bucata del girone, con 67.2 punti subiti di media (ne incassano meno solo Udine e Urania) pur essendo la squadra che fa meno falli (17.2). Ed è il secondo attacco più prolifico del girone, 75.9 punti di media, dietro solo alla Fortitudo. Tutto pur essendo la peggior squadra al tiro da tre punti con un brutto 26%, mascherato però da maestri declinando la terza miglior percentuale da due (50%, col picco del 59% del 22enne lungo Sebastiano Bianchi) sul fatto di essere la squadra nel girone che più di tutti tira da due: ha un punto di forza e ci punta, ha una debolezza e riesce a farla pesare meno possibile.

Brava anche a conquistare viaggi in lunetta, Cento sa soprattutto a indirizzare a proprio favore il numero dei possessi. I recuperi sono nella media, ma è la squadra che perde meno palloni di tutto il girone (11.7). E soprattutto è la miglior squadra a rimbalzo, forte non solo del lavoro difensivo ma soprattutto degli 11.6 rimbalzi d'attacco: manco a dirlo, il top del girone. Parliamo chiaramente della squadra al momento più forte nel girone apparentemente più competitivo.

A parte un perimetro con Simone Di Trani e Daniele De Martini, con Paolo Vitali dalla panchina, il dominio a rimbalzo è figlio anche della quantità di corpi vicino a canestro: il più impiegato è il 29enne centro Marcello Carretti, in una rotazione allargata a 8 giocatori veri di cui fanno parte gli altri lunghi Andrea Quarisa e Iris Ikangi. Ma l'insidia maggiore è nella capacità di portare legna in area dei due più importanti giocatori della squadra: accanto ai 14.5 punti con 5.9 rimbalzi del citato Bianchi, il giocatore in cattedra è l'ex Virtus Siena Donato Cutolo, 14.8 punti e 7.4 rimbalzi di media. Un test robusto

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (47) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (92) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (36) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)