lunedì 19 gennaio 2015

Sette partite in 23 giorni

Visto il precedente post fluviale, lascio un attimo da parte ulteriori chiacchiere e/o analisi (non esageriamo: tentativi di analisi) sui massimi sistemi e su come stanno andando le cose, per riallacciare un po' i fili con il contesto. Che vuol dire prima di tutto le prossime settimane: 7 partite in 23 giorni. E' un bene o un male? Non si sa, ma offre la possibilità di farci un ragionamento.

Solo per completezza riassumo sui motivi di queste tre settimane a ritmi da Eurolega (tiriamocela un po') da sabato scorso fino all'8 febbraio: alle normali quattro partite del weekend (nell'ordine Empoli, Torino, Monsummano, Varese) si è aggiunto il programmato turno infrasettimanale di questo giovedì (Mortara) e poi il doppio turno (andata-ritorno) di quarti di Coppa Italia con Cento, il 29 gennaio e il 4 febbraio.

Non entro nel merito - magari ne riparleremo in progress - su come si affronterà il raddoppiato impegno con rotazioni fin qui ristrette ma che forse (con la crescita di Ondo Mengue e Paci) stanno diventando a otto giocatori veri. Ma la grande chiacchiera da bar è: meglio o peggio giocare più spesso in un periodo del genere in cui va tutto (molto) al contrario? Meglio lavorarci su in palestra o non appesantirsi in tentativi di scissioni atomiche per arrivare in partita con la testa più sgombra? Naturalmente non esiste LA risposta. Neanche in chi è più vicino alla squadra e ne conosce meglio lo "stato mentale".

Mi viene comunque da pensare che in anni in cui abbiamo avuto modo di vedere un certo tipo di basket, i giocatori di alto livello hanno sempre detto di preferire il doppio impegno settimanale alle settimane intere di allenamento. E questa Mens Sana è a suo modo composta di quelli che per la categoria sono ugualmente giocatori di alto livello.

Non dico che gli allenamenti siano inutili e nemmeno che non ci siano cose su cui lavorare in palestra, è evidente il contrario, ma semplicemente - invece di rimuginare su cosa non va - tornare in campo più spesso dà stimoli maggiori e diversi ai giocatori, il cui momento mentale ("ci tengono anche troppo", "devono affrontare un livello di pressione nuovo") credo sia tra le spiegazioni di questo periodo.

A corollario, a livello puramente teorico è possibile (infermeria permettendo) che si riesca a concentrare maggiormente la qualità degli allenamenti altrimenti diluita su tutta la settimana. E, a fronte di una non coincidenza tra quanto di buono fatto vedere in palestra durante la settimana e quello che si riesce a trasportare in partita, cambiare la routine potrebbe aiutare a trasferire finalmente in gara stabilmente quanto di buono pare(va) già consolidato in allenamento. Psicologia da due soldi, magari. Auspici, sicuramente.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (35) Anichini (38) Asciano (4) associazione (51) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (15) Catalani (3) città (8) Coldebella (2) Colle (3) Comune (10) consorzio (65) Costone (2) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (37) giovanili (28) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (34) Macchi (7) Mandriani (10) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (93) mercato (79) Minucci (26) Moretti (3) Nba (2) pagelle (1) personaggi (8) Pianigiani (4) Poggibonsi (3) Polisportiva (40) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (37) Serie A (3) Sguerri (10) società (42) sponsor (25) statistiche (101) sul campo (447) Tafani (11) tecnica (1) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Virtus (9) Viviani (3)