lunedì 21 dicembre 2015

Cosa succede a Ferentino

Interrompiamo la programmazione per una notizia appena giunta in redazione. In attesa di tornare a parlare di Mens Sana, c'è una notizia importante che riguarda il prossimo avversario della Mens Sana, che in altri momenti della stagione sarebbe stata una squadra da affrontare senza grosse speranze. Più di due giorni dopo aver interrotto venerdì con Omegna - e quindi alla Mens Sana è andata bene - una serie di quattro sconfitte di fila, serie sorprendente al di là dei problemi fisici che possono averla in parte alimentata, ha esonerato l'allenatore Federico Fucà. Affidandola, nel segno della discontinuità... ah no... al vice allenatore Luca Ansaloni, visto a lungo sui campi di A1 e A2 da giocatore, ma di fatto senza esperienza da capo, se non in C. Un bene o un male per la Mens Sana? Cosa dicono gli altri precedenti stagionali?

NON BENE
Fucà, che aveva due anni di contratto, già con un passato da allenatore in categoria a Imola prima dell'ultimo biennio da vice di Dalmonte a Roma, lascia Ferentino al sesto posto in classifica con sette vittorie e sei sconfitte. Prima di battere Omegna solo nel quarto periodo, peraltro facendosi rimangiare un vantaggio di 10 punti a tre minuti dalla fine, Ferentino in due mesi e otto partite aveva vinto alla fine dei tempi regolamentari solo con Barcellona ultima in classifica (per non dimenticare mai la diversità di livello di cui si parla rispetto alla Mens Sana, i biancoverdi sia con Barcellona che Omegna ci hanno perso).

INQUIETI
Male, per l'organico forte più forte del girone, con almeno sei giocatori (in passato o in futuro) da Serie A. Per questo solo in parte i tanti acciacchi e qualche assenza sono una spiegazione. Ma è altrettanto vero che il momento in cui essere al meglio è lontano nel tempo, a primavera inoltrata. Le aspettative di una proprietà ambiziosa (il presidente Ficchi) erano alte dopo aver deciso in estate di salutare coach Gramenzi e il g.m. Betti per puntare su Fucà in panchina appunto e Ferencz Bartocci dietro la scrivania. Nonostante tutto, oggi Ferentino è a -2 dal quarto posto di Casale e Trapani e a -4 dal secondo di Agropoli e Agrigento.

I PRECEDENTI
Non è la prima panchina a cambiare in categoria. Matera ha salutato Giulio Cadeo, che aveva perso quattro delle prime cinque partite, per prendere Gigio Gresta con cui ne ha perse sette delle successive otto: l'unica vittoria è arrivata con la Fortitudo, non alla prima partita a Trieste, ma alla seconda dieci giorni dopo il suo insediamento. Tralasciando lo strano esonero-anzi-no di Benedetto a Reggio Calabria, a Ovest era saltata solo la panchina di Guido Saibene a Roma dopo lo 0-4 iniziale. Attilio Caja ci ha messo due partite per cominciare a muovere la classifica, ma quando l'ha fatto ha vinto cinque partite di fila, l'ultima con la Mens Sana, perché ora le ultime due le ha perse, a Trapani e con Latina.

E QUINDI?
Quindi normalmente se anche c'è un effetto, e non è scontato, fin qui non è mai stato immediato. Poi però Ferentino è un organico sufficientemente navigato per cogliere il monito di una società che ha fatto capire di non farsi problemi a far saltare teste, e sufficientemente forte per invertire il trend dei risultati prima di riuscire effettivamente a mettere le cose a posto. Intanto qualche riferimento alla Mens Sana lo toglie. Ma affrontare Ferentino in fiducia era peggio.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (91) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (35) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)