mercoledì 30 dicembre 2015

Come suona il terzo violino

PalaTiziano, 6 dicembre scorso, sfida in diretta tv contro Roma. DiLiegro viene sostituito per disperazione da Ramagli, dopo che ha perso per la trentesima volta l’1 contro 1 con Callahan. Via tubo catodico si percepisce anche uno scambio di vaffa tra i due, irrilevante però ai fini del racconto. Perché da allora la musica è cambiata

Il numero 1 (di maglia) biancoverde sembra aver reagito bene allo scotto di quella partita da 0 punti in appena 8 minuti. Cifre da under arruolato come decimo a referto, non come centro italo-americano titolare. Da quella domenica il suo rendimento è tornato di buon livello: 12 punti a partita, quasi equamente distribuiti tra Rieti, Casalpusterlengo e Ferentino, il 70 per cento dal campo, l’80% dalla lunetta, 8,6 rimbalzi di media.

Tre gare in cui DiLiegro è apparso più reattivo fisicamente anche in difesa, cioè il suo tallone d’achille nelle prime giornate di campionato. I centri avversari hanno smesso di segnare 20 o più punti a partita con facilità irrisoria: adesso se li devono conquistare con maggiore sforzo. E devono anche difendere con più attenzione: le percentuali dimostrano che quando la palla arriva dentro, o quando DiLiegro se la prende a rimbalzo offensivo, sa come trattarla.

Non è la prima soluzione offensiva della squadra, non è neppure la seconda, ma è una buona opzione da cavalcare in giornate di buona vena o quando le difese avversarie provano a togliere il pallone dalle mani degli altri due Usa. Il 73,3% stagionale ai liberi (33/45) non è neanche così malvagio ed è essenziale per eliminare rischi di falli sistematici.

La condizione fisica. Quasi sempre DiLiegro quando torna in panchina va direttamente dal fisioterapista per lavorare sotto il profilo atletico. Non è un mistero che, specialmente all’inizio della stagione, soffrisse ancora per i postumi dell’intervento al ginocchio infortunato e che malanni muscolari di vario genere lo abbiano tormentato. Ma il countdown per averlo al top è iniziato: dopo la pausa per l’all star game si potrebbe vederlo finalmente vicino al cento per cento della condizione atletica. Ed è assolutamente incoraggiante vedere che già adesso riesce a interpretare, più di una volta, il ruolo di terzo violino, cioè quello che gli viene richiesto di essere.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (91) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (35) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)