domenica 6 settembre 2015

Tenuta fisica e identità da battaglia

I due scrimmage senesi contro Livorno e Pistoia sono stati gli ultimi momenti pubblici della prima fase della preparazione della Mens Sana, che oltre a lavorare sugli step di crescita successivi attende ancora al più presto l'arrivo di Chris Roberts e per il prossimo fine settimana il quadrangolare a L'Aquila con Rieti, Chieti e Roseto. La partita con Pistoia è stata l'occasione per coach Alessandro Ramagli di fare il punto della situazione.

"In questo momento è importante che fisicamente il lavoro che stiamo svolgendo sia ben fatto, e contro una squadra di categoria superiore abbiamo fatto meglio nella seconda parte rispetto alla prima. E poi è importante che si dimostri voglia, entusiasmo, energia, attaccamento alla maglia, voglia di buttarsi sul pallone. Ci piacerebbe che quando ci si vede giocare, che sia amichevole o precampionato, si vede chi siamo, e questo già nelle prime due partite s'è visto. Oltre questo, onestamente, non mi dilungherei sulle altre cose".

"I giochi sono soltanto approcciati, la difesa è ancora da migliorare, ma quando c'è voglia di stare insieme e il livello di comunicazione è alto, la squadra sembra già pronta. In realtà mancano quattro settimane all'inizio del campionato, c'è tanto da fare. Ma il fatto che fisicamente stiamo bene ed emotivamente stiamo insieme e coinvolti è quello che mi fa stare più tranquillo".

"Nel primo quarto c'è stato un episodio che ci ha fatto scappare di mano il feeling emotivo della partita. E anche nel secondo quarto dovevamo vincere di 15 e invece lo abbiamo vinto di 4 perché un paio di episodi ci hanno fatto perdere il feeling con la partita. Visto che facciamo tanta fatica a conquistare i nostri pezzettini di pane, dovremo evitare di dare un calcio al secchio pieno di latte, come diceva Nikolic".

"DiLiegro su un movimento ha accusato un risentimento all'adduttore, lo abbiamo fermato precauzionalmente e lo valuteremo nei prossimi giorni sperando sia solo un piccolo affaticamento. L'obiettivo comunque era fargli giocare solo due spezzoni di cinque minuti ciascuno. Roberts avrà bisogno di trovare questo clima, così sarà molto semplice inserirsi magari all'inizio in punta di piedi. Se invece quando arriverà gli daremo le chiavi di salvatore della patria forse faremo la frittata. Il suo inserimento sarà più facile se troverà compagni in grado di prendersi responsabilità".

(audio da Antenna Radio Esse)

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (12) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (36) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (75) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (92) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)