domenica 20 settembre 2015

Secondo giorno lucchese (giocandosela meno con Torino)

Il torneo di Lucca è finito per la Mens Sana con una nota bassa, la più bassa del precampionato, che ha reso anche poco attendibile il test con Torino (81-61) se inteso come confronto. Lo ha reso auspicabilmente utile a farsi un'idea della differenza di competitività che la Mens Sana riesce a mettere in campo quando è carica e quando è scarica. Queste le parole di Alessandro Ramagli, e qualche numero della serata.

"La mia sensazione è che non fossimo così distanti dall'essere competitivi con le formazioni che abbiamo incontrato - ha detto il coach a fine serata -. La differenza è che con Varese abbiamo messo quegli strumenti che ci hanno contraddistinto dal primo giorno: energia soprattutto, anche entusiasmo, desiderio, voglia di confrontarsi. Con Torino è stata la prima occasione in cui abbiamo misurato questa squadra svuotata di energie, con poco coinvolgimento e con un feeling non adatto alle necessità del caso". 

"Giocando due partite con lo stesso livello di energia e di partecipazione non saremmo stati lontani dai nostri avversari neanche con Torino, ma erano diversi atteggiamento, approccio e anche il livello energetico è sceso in modo deciso. Non ci sono giustificazioni, ma era la dodicesima volta che ci trovavamo in palestra nella settimana, tra lunedì mattina e domenica sera, quindi è normale confrontarsi col bagaglio di energie che hai, ma con Torino lo abbiamo fatto secondo me nel modo peggiore". 

Per la prima volta c'è stato un grosso scostamento tra il lavoro fatto in una metà campo (81 punti subiti) e quello nell'altra (61 segnati, col 35% totale al tiro e 3/19 da tre). Rimasto abbastanza omogeneo nel corso della partita il numero dei punti concessi, è coi soli 24 punti segnati nella ripresa che la Mens Sana ha perso contatto con Torino, dopo i 37 (a 38) un primo tempo punto a punto. La mazzata è stata il 10-0 dell'allungo torinese sul 63-51 poco dopo il riposo. Darryl Bryant, fin qui il più costante, ha chiuso con un eloquente 0/4 al tiro da due, senza tiri da tre e con 3 palle perse, 2 punti in 16'. Chris Roberts, unico insieme a DiLiegro con plus/minus in attivo (+5 con lui in campo) ha chiuso i suoi 22' con 8 punti e 1/6 al tiro nella serata da 15.8% di squadra alimentato anche dallo 0/5 da oltre l'arco del trio Cacace-Borsato-Cucci.

Tutti hanno giocato almeno 14' (quelli di Ranuzzi e Marini, 1/6 al tiro a testa). Rifacendosi dopo i problemi di falli del giorno prima (che stavolta non ci sono stati, e visto com'è finita non è stato un bel segnale), l'unico sopra i 23' è stato Mattia Udom con 28', miglior marcatore con 12 punti, 5/9 al tiro, 7 rimbalzi e 3 assist. E' rimasto in campo 16' Dane DiLiegro, 10 punti (3/7), 5 rimbalzi e 4 falli subiti, e uno solo commesso. Poi a livello numerico la vera nota positiva della serata, se si trascura l'andamento della partita (-21 di plus/minus), sono stati gli 11 punti di Lorenzo Bucarelli con 5/8 al tiro tra cui una bomba. Parliamo comunque di un '98 in campo 23' (tra i più impiegati) contro una squadra di Serie A. Tutti elementi, buoni e anche meno buoni, da mettere nel bagaglio della preparazione. Prossimo appuntamento, mercoledì a Chiusi con Roma.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (51) Asciano (21) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (12) città (12) Coldebella (2) Colle (25) Comune (18) consorzio (69) Costone (31) Costone femminile (6) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (89) giovanili (36) Grandi (8) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (105) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (3) palazzetto (2) personaggi (12) Pianigiani (4) Poggibonsi (18) Polisportiva (51) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (48) Serie A (3) Sguerri (15) società (78) sponsor (27) statistiche (105) storia (8) sul campo (534) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (98) titoli (21) trasferte (22) Virtus (42) Viviani (3)