domenica 26 aprile 2015

La serie con Piombino, senza riferimenti

Il fatto che entrambi i precedenti con Piombino si siano giocati in contesti molto particolari (il debutto in questo campionato di una squadra, di una società e di un popolo all'andata - il pieno della crisi di mezza stagione al ritorno) toglie la terra sotto ai piedi della preparazione di questi quarti di finale, o almeno spazza quasi completamente i riferimenti degli scontri diretti stagionali che altrimenti sarebbero stati il punto di partenza. Ma visto l'avversario, non avere riferimenti sarebbe comunque stato il grande tema di questa serie playoff. La più difficile non solo perché è l'unica al momento prevista (le altre ci sono se si vince questa), ma anche perché è l'unica al meglio delle tre partite, quindi senza margine di errore.

Piombino arriva ai playoff avendo perso cinque delle ultime sei partite e che, dopo aver cominciato il ritorno battendo Mens Sana e Livorno, da lì in poi ha vinto solo due partite (Bottegone e Oleggio) perdendo contro chiunque altro, che fosse una big, una squadra in lotta salvezza, una squadra in lotta playoff o una squadra che non aveva più niente da chiedere. Se i playoff azzerano tutto sul piano numerico, non azzerano le caratteristiche delle squadre, che nel caso di Piombino vuol dire: aspettarsi tutto e il contrario di tutto.

La parte in linea di massima non variabile è la difesa. Oltre a essere una delle formazioni che costringe le avversarie al più alto numero di palle perse (15.5 - Roberto Maggio è terzo del campionato per recuperi con 1.7), è squadra che preferisce sfidare le avversarie al tiro da tre (24.7 di media tentati), dove solo la Mens Sana concede una percentuale più bassa (29%), piuttosto che farle tirare da sotto, dove non subisce una percentuale particolarmente bassa (49%), ma è la squadra che concede meno tiri da due (34), e per farlo non si fa problemi a essere quella che commette più falli (23.9).

Dall'altra parte invece parliamo del terzo attacco più sterile del campionato dopo Pavia e Empoli (67.3 punti di media): meglio di quei 76 punti a Siena, non ha più fatto nel girone di ritorno. E' la squadra che segna meno (15.5 canestri) e peggio (42%) da due, ma tra quelle che in campionato tira da tre più di tutti, anche se con un mediocre 31%, da cui si eleva il solo Luca Marmugi: col 40% è stato il quinto tiratore da oltre l'arco del campionato, e al ritorno il suo 4/6 fece malissimo alla Mens Sana. Da qui anche la conferma della necessità di un giocatore come Biagio Sergio per questi contesti.

Come Pozzi, Marmugi è lungo da 3-4 tiri da oltre l'arco a partita, e nella partita di ritorno (segnata anche dalle 20 perse della Mens Sana) insieme a Biancani segnò 7 delle 11 triple di Piombino, che arrivò a Siena prendendosi metà dei suoi tiri da oltre l'arco, 31 su 63. All'andata invece al 5/7 da tre di Biancani si affiancò il 4/5 di Camillo Bianchi, alla miglior partita dell'anno. Soprattutto per la natura perimetrale anche dei lunghi, non è un'avversaria con cui ci si accoppia benissimo. Con una rotazione a nove giocatori, di cui sette verissimi. Il minimo è aspettarsi non solo una serie a più facce, ma ogni singola partita a più facce.

Ma è un'avversaria con dei limiti, da evidenziare. Con cui far valere - e non subire - il fatto di essere più pesanti. Il fatto di non avere riferimenti, sia per i momenti particolari in cui sono arrivati i precedenti, sia perché comunque Piombino non è squadra che ne dà molti (non è strutturata come altri, cambia spesso quintetti) è un assist a scendere in campo pensando a sé stessi più che gli avversari. Ovvero tornando al grande mantra stagionale della Mens Sana, non per sufficienza ma per esigente (nei propri confronti) realismo sui valori in campo. Una serie che forse non si vince a testate o di talento, ma con la scaltrezza, il mestiere e l'esperienza. Finalmente ci siamo.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (63) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (90) mercato (76) Minucci (25) Moretti (1) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (38) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (34) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (391) Tafani (11) tifosi (79) titoli (20) trasferte (22) Viviani (3)