mercoledì 29 aprile 2015

Cecina vede la finale, Valsesia le vacanze. E qui il 30 aprile quest'anno si chiama Piombino

Piombino in casa ha vinto anche sette partite di fila, dopo aver perso la prima di campionato con la Mens Sana. Ha mollato un po' al ritorno, e ci ha perso tre delle ultime cinque partite giocate, contro le "big" Valsesia e Cecina e contro Torino in piena lotta salvezza. Ma resta una squadra che, già capace di colpi come il successo a Siena, in casa sua aveva battuto Livorno, tenuto a 36 punti Pavia (tenendola al 31% totale), battuto Varese (35%) che oggi è tra le prime quattro squadre del campionato...

Le armi sono quelle nell'arsenale di ogni squadra-sorpresa: la difesa (provando a chiudere l'area per sfidare al tiro da fuori) per giocarsela con tutti, il tiro da tre per provare anche a vincerla, se è giornata. Non per dire che Piombino è più forte della Mens Sana, ma che sulla singola partita merita un'attenzione maggiore di quanto direbbe il suo valore assoluto. E l'ultima partita in trasferta della Mens Sana, pur con tutte le motivazioni del caso, è stata una partita in cui si è tirato col 33% e a un certo punto si era anche a -23: che fosse solo una parentesi - come dice la logica - è ancora da dimostrare alla prova del campo.

Nella serie di cui si andrebbe ad affrontare la vincente, si saprà solo in contemporanea con la Mens Sana se Pavia (che gioca in casa) allungherà la serie o se Livorno la manderà a casa. E poi c'è chi è già andato avanti, o è già andato a casa, dopo le partite di gara-2 del mercoledì.

Va avanti 2-0 Varese, che dopo aver fatto il colpo in trasferta in gara-1, ha replicato  con un 86-64 (tutto il divario nel 51-31 del secondo tempo) a domicilio su Valsesia, che è la prima grande delusa dei playoff, il simbolo dei timori che diventano realtà: una stagione da sogno, poi l'accoppiamento sbagliato e uno stato di forma non ottimale a buttare via tutto nel giro di tre giorni.

Più secondo pronostico il 71-75 in casa di Bottegone che ha dato anche a Cecina il 2-0 del passaggio del turno, per quanto maturato al fotofinish dopo che le squadre erano sul 71 pari a 2'30" dalla fine. In stagione Cecina è 2-0 su Varese: ha vinto 75-88 in trasferta e stravinto 79-56 in casa, la strada verso la finale appare spianata... anche se la Robur et Fides ha preso una bella carica con Valsesia.

Altrove, Cento ha evitato di fare la fine di Valsesia, andando a mettere in campo a Lecco la propria superiorità col 52-60 che riporta la serie a casa propria, e lo stesso ha fatto Udine con l'82-87 a Bergamo (così come Senigallia contro l'Eurobasket nel Girone C). Chi è già in semifinale, oltre a Rieti con la Luiss Roma nel C, è invece la Fortitudo, che ha vinto 60-70 la suggestiva trasferta a Milano sul campo dell'Urania.

Parlare del girone gemello è anche l'occasione per dare l'ufficialità dello spostamento della Final Four promozione di Forlì di un giorno, non più il 12-13 giugno ma il 13-14, dunque a partire dal sabato e non più dal venerdì. E già che siamo a guardare il calendario, vedere che si materializza il 30 aprile riporta alla mente l'epica giornata di Lione nel 2002, punto di arrivo e di partenza: in questi 13 anni è successo un mondo. Quest'anno il 30 aprile della Mens Sana si chiama Piombino.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (63) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (90) mercato (76) Minucci (25) Moretti (1) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (38) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (34) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (391) Tafani (11) tifosi (79) titoli (20) trasferte (22) Viviani (3)