martedì 30 marzo 2021

Un'altra sconfitta, come è maturata e quello che manca: ora la Mens Sana non può più sbagliare

Questa fa male, molto male. Quanto, in termini di qualificazione alla Poule A, lo sapremo più avanti, ma certamente il ko di Empoli mette un brutto accento su questo momento biancoverde. Di colpo, tutto quello che sembrava riuscire non riesce più, il flow è sparito, la capacità di sfruttare gli errori degli avversari si è ridotta. Così una banda di giovani presi per mano dall’ottuagenario Ghizzani riesce a giocare a cento all’ora per quaranta minuti impedendo alla Mens Sana di trovare ritmo e confidenza.
 
I MOMENTI CHIAVE - Ce ne sono stati due. Il primo a metà del secondo periodo, quando da un confortevole +11 si passa in un amen al vantaggio dei padroni di casa, rimettendo in piedi una partita che la Mens Sana, partita con un quintetto abbastanza piccolo (Benincasa, Pannini, Sprugnoli, Monnecchi, Chiti) e avendo già sfruttato bene alcune rotazioni (vedi i sei punti in poco tempo di Iozzi), sembrava in grado di poter controllare. Poi l’avvio di terzo periodo, quando la sparatoria da tre punti del Biancorosso causava un break di 14-2 per il +15. Eppure non era finita, perché in qualche modo la si era rimessa in piedi. Una tripla di Pannini, un’altra di Sprugnoli, un bel gioco da tre punti di Benincasa, un gancio cielo di Chiti e voilà, +1 sul tabellone. L’andirivieni di sorpassi e controsorpassi che segue nel punteggio si stoppa sul 66-65 empolese, perché poi la Mens Sana propone una serie di tre scelte offensive rivedibili. Mentre di là Ghizzani si procaccia i due liberi del +5 che chiude i conti fino al 72-65 finale.

POULE A - Una vittoria a Empoli avrebbe regalato ampie probabilità di accesso alla Poule A. Adesso la situazione si è rimescolata, diventa fondamentale vincere la prossima sfida contro Laurenziana. Il +2 con il 2-0 nello scontro diretto sarebbe importantissimo. Non ottenerlo, col Costone che ha già bissato l’impegno con Quarrata e può provare il filotto, metterebbe a serio repentaglio un posto fra le prime tre, perché il calendario adesso (trasferta sul campo della Galli a parte) non è certamente dei migliori. C’è ancora margine sul quarto posto, va mantenuto.
 
IL TABELLINO - Monnecchi 8, Pannini 10, Iozzi 11, Sprugnoli 9, Benincasa 11, Manetti, Chiti 8, Milano 2, Sabia 4, Collet, Malentacchi, Gelli 2.
L’uomo da più di 20 punti non c’è sin dall’inizio, questa non è una notizia. La ridistribuzione dei palloni si ferma su cifre stavolta piuttosto limitate. Però 65 punti era la quota che durante il girone di andata avevano toccato gli avversari due volte (Empoli, Laurenziana) o sfiorato (Costone 64). Stavolta, oltre all’attacco, ha funzionato qualcosa meno bene anche in difesa.
 
LA DICHIARAZIONE - “Non siamo usciti bene dall’intervallo. Loro ci hanno massacrato da tre punti all’inizio del terzo quarto, ci hanno preso rimbalzi in testa: è stato difficilissimo ricucire, ci siamo riusciti ma alla fine abbiamo gestito male i possessi decisivi. Merito anche della loro intensità, ci hanno tolto le situazioni di vantaggio che di solito ci riescono bene. Sapevamo che sarebbe stata difficile, sappiamo che ogni partita sarà decisiva. A parte Quarrata, le altre sono tutte partite di equilibrio. Dobbiamo comprendere che quello che abbiamo fatto all’andata non è sufficiente, dobbiamo dimostrare continuità”.
 
BANDIERA GIALLA - Ripartire dall’ultimo quarto della partita contro Quarrata, in cui è stato rifilato un parziale di 19-10 alla capolista. Questo l’imperativo per il Costone nella sua rincorsa verso un piazzamento per la poule promozione. Centrarla sarebbe veramente un’impresa se guardiamo come si è messa, ad oggi, la classifica gialloverde. Ma andiamo con ordine: il +30 con l’Alberto Galli e il 62-61 subito in casa con Quarrata dicono che il Costone c’è ed ha tutte le carte in regola per giocarsela fino alla fine. Juliatto è un fattore, Ceccarelli sta crescendo, Pinna sta migliorando il suo apporto soprattutto in difesa (basti vedere la partita che ha fatto contro Toppo). Poi c’è stato il rientro di Bruttini che, contro Quarrata, ha dato la carica ai suoi. E il Costone ha messo molta paura addosso ai pistoiesi come mai nessuno aveva fatto in questa stagione. Ora però ci sono quattro partite e sono, di fatto, quattro finali. Specialmente dopo la sanguinosa sconfitta contro Laurenziana, margini di errore non ce ne sono più. Ma questo Costone, che sta progressivamente tornando a ranghi completi, non deve temere nessun avversario. Specie se l’atteggiamento e l’applicazione saranno quelle viste contro Quarrata. (Andrea Frullanti)
 
LE ALTRE - Laurenziana - Galli 67-62, non senza difficoltà per i padroni di casa costretti a rimontare anche da -11, per questa classifica: Quarrata 12, Mens Sana e Laurenziana 8, Costone e Empoli 4, Galli 0.
Nel gruppo B il Covid ha costretto al rinvio di due partite, Carrara-Pontedera e Fucecchio-Us Livorno. Nell’unica gara giocata: Liburnia-Cus Pisa 49-70. Classifica: Cus Pisa 12, Fucecchio 8, Pontedera 6, Carrara 4, Liburnia 2, Us Livorno 0.
 
LA PROSSIMA - Sabato alle 18 contro Laurenziana. In campo alla stessa ora anche Quarrata-Empoli e Galli-Costone. 


***

Leggi anche:  



 
 
 



 


 


 
 

 
 







 
 



 

 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (69) Anichini (64) Asciano (34) associazione (60) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (11) C Silver (20) Catalani (3) Chiusi (25) città (14) Coldebella (2) Colle (38) Comune (21) consorzio (70) Costone (59) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Finetti (1) fip (1) Fortitudo (1) Frullanti (127) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (70) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (145) mercato (89) Minucci (27) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (4) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (55) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (78) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (84) sponsor (28) statistiche (105) storia (57) sul campo (597) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (108) titoli (21) trasferte (22) Virtus (73) Viviani (3)