domenica 21 febbraio 2016

Contarsi

"Dobbiamo ritrovare serenità, perché è evidente che c'è mancata: siamo stati poco connessi. Abbiamo bisogno di rinchiuderci in palestra, di contarci e di ricominciare a lavorare con qualità come negli ultimi dieci giorni non siamo riusciti a fare. Indipendentemente da chi saremo dobbiamo ricompattarci e tornare a fare bene il nostro lavoro, chiunque saremo. Giocare così è la peggiore pubblicità che fai a te stesso". Nulla come le parole del coach Alessandro Ramagli riesce a mettere insieme campo e fuori campo, la sconfitta più larga della stagione rimediata dalla Mens Sana sul campo di Tortona e una prospettiva non sui prossimi giorni ma sulle prossime ore, quelle in cui si deciderà cosa sarà di questo roster.

A Voghera è andata come poteva andare, forse anche come doveva, sul campo di una squadra che è seconda in classifica, che ha vinto 8 delle ultime 10 partite, che - al pari della Mens Sana e di Agropoli - in casa è la squadra più forte del campionato. E anche tra le più forti in assoluto, con un roster che resta di alto livello anche se gioca in una società nuova a questi livelli come Tortona, un organico che pur giocando per una piazza piccola resta di livello economico alto e non è certo una colpa, anzi (di questi tempi si capisce bene) un grande merito per Tortona riuscire a raccogliere risorse di grandi imprenditori attorno alla passione di un piccolo centro.

Non ci sono solo i meriti di Tortona: la Mens Sana ha giocato una delle peggiori partite della stagione, una sconfitta più larga perfino di quella rovinosa di Roma. Certo in un momento particolare. Ma in un momento particolare si era saputa fare l'impresa a Reggio Calabria, senza il giocatore più importante si era schiantati sulla distanza con Omegna: stavolta è andata male e basta. La Mens Sana ha perso cattiveria e, prima di crollare nel secondo tempo, si era già intuito in un primo tempo in cui si erano concessi troppi rimbalzi d'attacco e un inaccettabile 13/17 da due.

Di Roberts, non ancora lui, è mancato soprattutto il playmaking a cui aveva abituato, Borsato si è rifatto male alla stessa gamba. Bryant e DiLiegro hanno continuato a macinare quantità fino alla fine e questo ne ha apparecchiato buoni numeri, ma le perse (5 anche Ranuzzi), gli errori al tiro e i passaggi a vuoto sono stati la dominante della loro partita. Curioso che siano proprio quelli i cui nomi sono stati al centro delle voci di mercato, no? La Mens Sana è stata chiara coi suoi giocatori: 'Se succede qualcosa, se ne riparla dopo la partita con Tortona. Prima non si muove niente, c'è solo da continuare a giocare'. Invece negli ultimi giorni il contorno ha preso il sopravvento.

E si torna alle parole di Ramagli. Che ha insistito sul concetto di contarsi, di vedere chi ci sarà in palestra martedì alla ripresa... Il "non detto", affatto misterioso, è che qualcuno potrebbe non esserci più. Come funziona? Funziona che la giornata decisiva è quella di questo lunedì, come da indicazione iniziale ai giocatori. Non c'è bisogno di aspettare la prossima assemblea dei soci per farsi un'idea di come finirà per la Mens Sana. Sarà la giornata delle valutazioni, premature eppure già in un certo senso definitive, su quante risorse può già garantire l'idea del trust-consorzio, e su questa base capire se un finale di stagione senza dismettere il roster è possibile. Le carte in tavola spingeranno la decisione in quale direzione? Sono le ore decisive.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (26) Anichini (33) associazione (50) avversari (138) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (3) Coldebella (2) Colle (1) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (27) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Mandriani (3) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (93) mercato (78) Minucci (26) Moretti (3) Nba (2) pagelle (1) personaggi (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (30) Serie A (3) Sguerri (4) società (37) sponsor (25) statistiche (94) sul campo (407) Tafani (11) tecnica (1) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Virtus (2) Viviani (3)