sabato 28 febbraio 2015

Un ultimo sforzo

Alla Mens Sana serve un ultimo colpo di reni prima di rifiatare. Il riferimento non è alle sette partite prima dei playoff: non è il caso di guardare troppo in là. E poi sperare che il finale di regular season sia "tranquillo", sul velluto e senza tensioni di classifica, significherebbe sottovalutare l'importanza di arrivare ai playoff essendo abituati invece a tenere alta la guardia. A riaccendere il motore nel momento più importante dell'anno potrebbe volerci troppo. Il colpo di reni che serve, intanto, è piuttosto quest'ultima partita prima della sosta della Coppa Italia, a Borgosesia.

Quella in arrivo sarà la terza sosta (seconda in ordine cronologico) di questo girone di ritorno che si aggiunge alle due dovute al calendario zoppo. Non esserci - alla Coppa Italia - è una ferita, non dolorosissima ma che certo ricorda un'opportunità persa. Non l'opportunità della vetrina, ma l'opportunità di crescere. In mezzo tra la sosta precedente e questa, un mini-break di due partite che, per l'importanza delle avversarie, potrebbe dare l'indirizzo definitivo alla regular season della Mens Sana (poi i playoff sono un nuovo campionato). Perché non sia solo la fiera delle banalità, forse è il caso di isolare tre motivi.

- Durante il girone di andata si pensava che il ritorno non avrebbe offerto trasferte allenanti in ottica playoff. In realtà la crescita di Valsesia, fino a diventare la terza forza del girone, ha fatto diventare la prossima trasferta della Mens Sana un'ottima prova generale di playoff.

- E' poi una partita di rilievo anche per la classifica: il valore dell'avversaria pesa anche in termini di rischio. Di queste ultime sette, è forse la gara a più alto coefficiente di difficoltà, e dunque di rischio di cadere, di avere una nuova battuta di arresto in classifica. Scampare l'ultimo grande rischio non mette a riparo da scivoloni futuri in impegni meno probanti (vedi i precedenti...), ma a rigor di logica segna la strada giusta per non essere più ripresi.

- Infine, il valore dell'avversaria darà un indicatore importante non solo in ottica futura (test per i playoff), ma anche in ottica presente: come procede la crescita della Mens Sana. Che non è certo arrivata a un livello di gioco paradisiaco, ha questioni aperte, si muove a passi lenti invece che per slanci, ma nella direzione che sembra giusta, se non ci si complicherà di nuovo la vita. Valsesia è l'occasione per dimostrarlo.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (21) Anichini (27) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (14) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (17) giovanili (19) Griccioli (12) inchiesta (63) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (32) Macchi (3) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (90) mercato (75) Minucci (25) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (38) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (25) Serie A (3) società (32) sponsor (25) statistiche (90) sul campo (390) Tafani (11) tifosi (79) titoli (20) trasferte (22) Viviani (3)