mercoledì 4 maggio 2022

Il saluto di Lenardon. I titoli di coda sulla stagione della Virtus

La Herons Montecatini passa anche al PalaPerucatti per 66-48, chiudendo la serie sul 2-0 e facendo terminare la stagione della Virtus ai quarti di finale playoff. Un risultato preventivabile e giusto per quelli che sono stati i valori visti in campo ma che non sminuisce i meriti di una Virtus che ha lottato finché ha potuto contro avversari oggettivamente più forti.


IL MOMENTO DECISIVO

A pesare sull’esito finale della partita il parzialone piazzato da Montecatini nel secondo quarto: un 14-0 che ha portato il punteggio dal 20-18 al 33-20 per i termali, dando così alla squadra di Barsotti la giusta linfa per prendere il largo e amministrare il punteggio fino alla fine.


LA CHIAVE

Al di là dei numeri (potremo aggiungere che il primo canestro dal campo vitussino è arrivato dopo 4 minuti e 30 secondi nel terzo quarto), la partita e la serie hanno messo in evidenza un netto gap fisico e tecnico tra le due squadre: Montecatini è apparsa a tutti gli effetti una squadra di categoria superiore, anche per l’energia e il ritmo messi sul parquet.


IL BILANCIO

Per la Virtus una sconfitta che non rappresenta una bocciatura, né dal punto di vista dell’energia né sotto il profilo dell’applicazione, anche se il ko è senza appello e mette definitivamente fine alla stagione rossoblù. Ci sarà tempo per fare bilanci e progettazioni future, adesso è il momento di dire comunque bravi ai ragazzi di coach Spinello che hanno provato ad opporsi con tutte le loro forze ad un avversario che ne aveva di più, concludendo con grinta e dignità una stagione sfortunata per diversi motivi.


L’ULTIMA

L’estate sportiva che inizia adesso dovrà necessariamente portare ad alcuni cambiamenti. L’uscita dal campo di Lenardon (in foto) è sembrata un passo d’addio al parquet cui è stato giustamente tributato un lungo applauso dal pubblico virtussino. Occorre poi trovare alternative offensive a Nepi, che anche con Montecatini è stato trascinante ma da solo non può reggere il peso dell’attacco. Un Cacciatori più inserito può essere un buon investimento in tal senso: l’innesto da Montevarchi sembra avere un potenziale quantomeno interessante. 




IL PATRIMONIO

Occorre poi pensare al futuro: gli Under 19 Eccellenza agli spareggi per le finali nazionali possono essere una fucina cui attingere per cercare nuovi Bianchi, Olleia e Imbrò. Giocatori cresciuti umanamente e cestisticamente nella Virtus e che adesso possono fare da chiocce alle nuove leve che potranno arrivare in prima squadra dal sempre florido settore giovanile rossoblù. È del resto questo il marchio di fabbrica principale del basket in via Vivaldi, nonché la principale fondamenta su cui impostare la Virtus che verrà.


IL TABELLINO

Virtus: Bartoletti 2, Cannoni, Avdiu, Bianchi 4, Calvellini 4, Cacciatori 6, Olleia 3, Lenardon 5, Imbrò, Nepi 22, Zambonin 2, Costantini ne. Coach: Spinello.

Montecatini: Paunovic 2, Lafitte 5, Obiekwe 9, Precopia 2, Galli 7, Giancarli 7, Dell’Uomo 2, Lepori, Casoni 16, Cherubini 2, Radunic 14. Coach: Barsotti.

Parziali: 14-11, 26-39, 38-50, 48-66.

Andrea Frullanti


***

Leggi anche:  

Gara-1 è di Montecatini ma la Virtus c’è. Serve un’impresa a Siena per allungare la serie

Virtus ai playoff. Contro Montecatini 1: numeri, consapevolezze e un ex nella sfida più difficile

Volata playoff, la Virtus deve vincere. E sperare. Ipotesi e scenari dell'ultima giornata

Virtus nelle secche senza tiro, il k.o. vale doppio: playoff, occasione persa (meritatamente)

Metamorfosi e vibrazioni positive: Virtus in zona playoff e padrona del suo destino 

Vittoria e fiducia ritrovate, con 3 sorpassi in classifica: Virtus di lusso con Prato 

Classifica, formula e scontri diretti: Virtus, scacco al campionato in 4 mosse

Castello passa al PalaPerucatti, la Virtus si è smarrita: spettro dei play-out

La Gema passa, ma non senza fatica. Virtus, una "buona sconfitta" contro Montecatini

Virtus, così non va. Crolla a Livorno, adesso deve cambiare mentalità per salvare la stagione 

“Flu game” a Lucca. Decimata e influenzata, la Virtus si arrende

Prove di continuità per la Virtus. Lucca e Livorno in trasferta per il definitivo rilancio

La Virtus risorge a Pisa. Vittoria di carattere, è la possibile svolta dell'annata 

La discontinuità condanna la Virtus: non ci sono più margini d'errore, è il momento della verità

Assenze, la prima di Drigo e una Spezia più forte. Virtus battuta e fuori dalla zona playoff

L'addio di Bruno, il mercato e 7 partite (più una). Virtus, è il mese che decide la stagione

Mal di trasferta, assenze e classifica fluida. La sottile linea di galleggiamento della Virtus 

Giovani, concreti e decisivi. La Virtus batte Valdisieve e mette in mostra i suoi gioielli 



 
 

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (71) Anichini (68) Asciano (34) associazione (61) avversari (138) Bagatta (8) baskin (1) Binella (16) C Gold (25) C Silver (32) Catalani (3) Chiusi (25) città (18) Coldebella (2) Colle (38) Comune (25) consorzio (71) Costone (92) Costone femminile (15) Crespi (8) Cus (1) De Santis (2) Decandia (1) derby (1) Eurolega (2) ex (49) Finetti (1) fip (3) Fortitudo (1) Frullanti (178) giovanili (40) Grandi (39) Griccioli (12) inchiesta (71) infortuni (5) iniziative (5) Legabasket (1) Libero basket (1) Lnp (35) Macchi (31) Maginot (1) maglia (7) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (19) media (13) Mens Sana Basket (148) mercato (90) Minucci (28) Monciatti (1) Moretti (3) Nba (3) pagelle (8) palazzetto (8) personaggi (19) Pianigiani (4) Poggibonsi (31) Polisportiva (62) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (125) Serie A (3) Sguerri (22) silver (1) società (85) sponsor (28) statistiche (106) storia (59) sul campo (676) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (112) titoli (21) trasferte (22) Virtus (130) Viviani (3)