venerdì 19 gennaio 2018

St.Sal.Stats: In campo la panca, la capra crepa

“Non fidatevi di ciò che le statistiche dicono prima di avere attentamente considerato ciò che non dicono”.

Ma dov’è finita la panchina? L’ingresso definitivo della squadra in zona playout ha tante spiegazioni. Sorvoliamo per una volta su Turner, la causa primigenia di tutti i mali, e occupiamoci del rendimento della panchina. Per meglio dire, del non rendimento della panchina, specialmente nelle ultime settimane.
   
Snoccioliamo un po’ di dati. Nelle prime quattro gare di campionato, quando il quintetto era composto da Saccaggi, Turner, Sandri, Lestini e Ebanks, il contributo degli uomini che alla palla a due erano a sedere era piuttosto uniforme: 21,2 punti in 63 minuti di utilizzo per partita. Alla quinta giornata, l’ultima di Griccioli sulla panca, la ‘second unit’ produsse appena cinque punti in 49 minuti.
In totale: 90 punti su 391 (il 23% del fatturato complessivo), 301 minuti su 1025 (il 29,4%), una valutazione di 71 su 413 (il 17,2%).

Arriva Mecacci, si cambia starting five, dentro Simonovic, fuori Lestini, almeno fino alla gara di Reggio Calabria. Per sei partite il minutaggio dalla panca è analogo (62,1),  mentre la produzione di punti in termini di percentuale sul totale della squadra cala di un’inezia (22,4). Con Rieti non c’è Ebanks, poi dalla partita successiva Vildera prende il posto di Simonovic nel quintetto di partenza. E qui la situazione precipita: dopo la partita di Legnano, nella quale la panca produce 18 punti in 57 minuti con 23 di valutazione, nelle ultime tre gare i punti dei panchinari sono 21 (11 con Virtus, 4 a Tortona, 6 con Casale), il minutaggio medio scende a 37 minuti, la valutazione complessiva è -9.
Il totale della produzione con Mecacci: 173 punti su 870 (il 19,9%), 609 minuti su 2200 (il 27,7%), una valutazione di 149 su 850 (il 17,5%).

Certo, l’infortunio di Borsato, a mezzo servizio con Roma e poi fuori contro Bertram e Novipiù, incide nettamente. Ma anche il calo drastico di Lestini e Simonovic acuisce la sensazione di non poter provare a ottenere qualcosa quando si spedisce un’alternativa sul cubo dei cambi: i due lunghi ‘di riserva’, nelle ultime due partite, hanno giocato complessivamente appena 20 minuti, assommando in quei pochi istanti un -17 (!) di valutazione e un -28 (!!!) di plusminus. Per ogni minuto con uno di loro (o entrambi) sul parquet, la squadra va sotto di 1,4 punti. Moltiplicate per 40…

“Siamo corti” ha detto Mecacci. Sì, perché in questo momento dalla panca non entra veramente nessuno. Borsato è stato fuori, Lestini e Simonovic sono completamente spariti dai radar. Chi altro c’è? Ah, Casella, la cui percentuale dal campo, dopo l’infortunio, è 12/51. Medie di tiro che fanno rimpiangere Tavernari...




 
***
    

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (26) Anichini (32) associazione (50) avversari (138) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (3) Coldebella (2) Colle (1) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (27) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Mandriani (2) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (92) mercato (78) Minucci (26) Moretti (3) Nba (2) pagelle (1) personaggi (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (29) Serie A (3) Sguerri (4) società (37) sponsor (25) statistiche (93) sul campo (403) Tafani (11) tecnica (1) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Virtus (2) Viviani (3)