martedì 23 gennaio 2018

St.Sal.Stats: Italiani brava gente. Soprattutto quando fanno canestro

“Le statistiche dicono che uno su quattro soffre di qualche malattia mentale. Pensa ai tuoi tre migliori amici. Se stanno bene, vuol dire che sei tu”.

È sotto gli occhi di tutti il salto di rendimento che negli ultimi tempi ha fatto il trio di italiani da quintetto. Specialmente da quando Saccaggi, Sandri e Vildera fanno parte contemporaneamente dello starting five, cioè dalla partita di Legnano in poi. Addentriamoci nelle cifre per provare a capire meglio.

Nelle ultime cinque gare, da quando Vildera ha preso il posto di Simonovic nello schieramento titolare, il trio indigeno produce 184 punti in 458 minuti (0,40 pts/min). In tutta l’era Mecacci lo stesso rapporto è di 0,358 (353 punti in 986 minuti). Nella gestione Griccioli, che però utilizzava Lestini in quintetto, mentre Vildera usciva dalla panchina, i punti al minuto erano 0,25 (86 in 344).
Sandri ha moltiplicato la propria produzione offensiva: prima della gara con Latina viaggiava a 5,6 punti per gara, dopo quella partita la sua media è salita a 10,1, con un parziale di 15,1 nelle ultime otto esibizioni.

Anche Saccaggi ha migliorato l'efficienza, soprattutto nel tiro da tre. Ok, le difese continuano a battezzarlo, ma chi guarda i video delle partite con Roma e Agrigento forse ci penserà qualche minuto in più. Dopo la partita con Cagliari (ottava giornata) era sotto il 40% dall’arco, su un numero invero limitato di tentativi (13). Adesso è sopra il 50 (19/37).

Vildera da quando è in quintetto gioca 27 minuti a partita: ok, Simonovic è rotto, Lestini non sta bene, Ebanks da cinque sì ma anche no. Quando l’ex Lakers e l’ex Matera (Lakers e Matera nella stessa frase, eppure stiamo parlando di basket…) erano cinque e quattro titolare, Vildera si arrabattava per stare 13 minuti per gara sul parquet. I tempi, anche se sono passati meno di tre mesi, sono cambiati parecchio.

***

Ma rimettiamoli insieme, i tre. Con Griccioli non si andava oltre i 68,8 minuti per partita, con Vildera che, come appena spiegato, era l’anello debole della catena. Adesso il minutaggio del terzetto è salito a 82 minuti, che diventano 91,6 se si considera il segmento di cinque partite in cui l'ex Omegna è stato promosso titolare. Ecco, da Legnano in poi i punti complessivi del terzetto sono stati 184 (72 Sandri, 62 Saccaggi, 50 Vildera) in 458 minuti. Fanno una media di 0,40 al minuto, proiettata sui 40 minuti (e moltiplicata per tre) fanno 48 punti. La valutazione, sempre complessiva, è 192 (66 Sandri, 63 Saccaggi, 63 Vildera). Al minuto fa 0,41, sui 40 minuti diventa 50,3. In tutto il periodo di guida Mecacci i punti al minuto sono 0,35, la valutazione (sempre al minuto) è 0,38. Nelle prime cinque giornate i due dati erano 0,25 e 0,33…

Rimaniamo sulla valutazione al minuto del trio italiano. Nelle sconfitte è 0,31, nelle vittorie è 0,46, in media è 0,37. Ci sono delle eccezioni? Sì, anche piuttosto fresche: contro Casale (69-71) era stata 0,47. Però con Agrigento (0,40), con Virtus (0,67), Reggio Calabria (0,48) e Latina (0,60), tutte e quattro vinte, si è stati sopra la media, anche ampiamente, mentre a Tortona (0,28), a Legnano (0,19) e con Rieti (0,36), tutte e tre perse, si era stati sotto. Poi per carità, nessuno mentre guarda una partita si mette a calcolare la valutazione al minuto di Sandri, Saccaggi e Vildera messi insieme. Però se i tre italiani del quintetto producono, e il trend ci dice che il fatturato sta aumentando, allora gli scenari cambiano. Ed Ebanks può sentirsi meno solo. E qualcosa in più della lotta per evitare i playout (infortuni permettendo) si può anche progettare.

p.s. Cosa hanno in comune Erik Rush (Bondi Ferrara) e Gelvis Solano (Bergamo Basket)? Sono gli unici due stranieri, fra i 64 della A2, che al 20 gennaio scorso avevano un rapporto punti per possesso inferiore a quello di Elston Turner… sì, l’ex biancoverde, il giocatore col contratto più ricco di tutta la categoria, era 62esimo (terzultimo in tutta la cadetteria, ultimissimo nel gruppo Ovest) in questo particolare indice, con un rapporto fra punti segnati e palle giocate di 0,849, tre decimi meno del leader di questa classifica, Mosley (1,184). Beh, meglio tardi che mai (il taglio…)




***
    

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (91) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (35) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)