mercoledì 14 febbraio 2018

St.Sal.Stats: Nel libro dei record. Dalla parte sbagliata

"Se sei a corto di argomenti, usa la statistica. Nessuno starà a fare i calcoli necessari a contraddirti"

L’ultimo quarto di Roma è ancora sotto gli occhi di tutti. Appena quattro punti segnati in dieci minuti, una cosa da far venire i brividi. Sì, alla Mens Sana non era mai capitato in Italia da quando le gare sono suddivise in quattro parti. Era successo di peggio una volta in Europa, a Barcellona: dicembre 2008, il primo periodo finisce 25-3 per i blaugrana. Ecco, però dall’altra parte non ci sono Cesana, Fanti e Venuto, ma Basile, Navarro, Andersen, Ilyasova, in una squadra che a fine competizione si piazzerà al terzo posto…  un periodo storto, in cui non c’è modo di fare canestro, può capitare anche ai gruppi migliori, qual era quello della Montepaschi 2008/09.
   
RECORD NEGATIVI - Alla Mens Sana nei campionati di serie A e A2 è successo 37 volte, su quasi 2700 periodi giocati, di segnare meno di dieci punti in un singolo tempino. È una cosa che può succedere, tanto che si fa prima a dire quando non si è mai verificato nel corso di una stagione: nel 2003/04, nel 2006/07 e nel 2009/10. In tutti gli altri tornei, anche quelli stradominati, c’è stato almeno un periodo di gioco piuttosto stitico, con meno di un punto per minuto. Certo, il precedente limite era fissato a 6: nella stagione passata a Latina, il terzo periodo (6-23), e nel 2013/14 a Sassari (6-13, sempre il terzo, in una partita che fu comunque vinta, 62-60). Per questo il 4 di Roma entra di diritto nel libro dei record negativi.

ULTIMO PERIODO - La sensazione è che la Mens Sana abbia perso le ultime partite perché arriva col fiato corto nel finale. A Roma è stato indubbiamente così (almeno i numeri ci suggeriscono questo), ma i 13 ko stagionali sono tutti arrivati in fondo? No, anzi. L’unico vero tracollo nel finale prima di Roma è stato a Legnano, quando Saccaggi e compagni iniziarono avanti di uno l’ultimo periodo, tornando a casa però con un 82-72 sul groppone. A Biella il parziale finale vide la Mens Sana sotto di 8, ma partendo già da una corposa base di -10. Con Scafati il quarto periodo è stato negativo (-5), ma il +14 al decimo minuto era già stato lentamente eroso strada facendo da Ranuzzi e soci. Solo con Rieti si sono persi tutti e quattro i periodi (guarda un po’, mancava Ebanks…). Ci sono però ben cinque partite (a Trapani, a Scafati, con Cagliari, a Treviglio, a Tortona), in cui è stata la partenza ad handicap a condizionare tutto lo svolgimento della partita.

CIFRE QUA E LA’ - La Soundreef 2017/18 ha segnato complessivamente 406 punti nel primo periodo, 416 nel secondo, 406 nel terzo e 405 nel quarto, per medie attorno a 19,5 punti per parziale. Qualche difformità in più c’è nei punti complessivamente subiti per periodo: 409, 418, 405 e 423. Ma se ragioniamo in termini di medie, sono 19,3 nel caso migliore e 20,1 in quello peggiore.
Separiamo vittorie e sconfitte. Scoprendo l’acqua calda, si nota che nelle vittorie vengono segnate medie di 23,6…22,2…22,5 e 21,7 per periodo, mentre nelle sconfitte si scende a 16,7…18,3…17,3 e 17,7. Non c’è che dire, una bella differenza, cosa che invece non c’è in termini di rendimento difensivo: 20,1…18,5…21,1 e 20,3 le medie per periodo in caso di vittoria, che invece nelle sconfitte diventano 19,0…20,7…18,1 e 20. Non è un paradosso: si subisce meno quando si perde, ma aumenta esponenzialmente il rendimento offensivo nelle vittorie (o si segna decisamente meno nelle sconfitte, si può rigirare il discorso come meglio si crede).

CONCLUSIONI - Non c’è, statisticamente, un periodo di gioco migliore o peggiore per questa squadra. In stagione mai si era verificato un quarto periodo da meno di dieci punti, anzi; per sedici volte si era andati sopra quota 15 punti e nove volte oltre quota 20 negli ultimi dieci minuti. Per contro, dodici volte si è stati sotto quota 15 nei primi due parziali, undici nella ripresa. A parte Biella, c’è sempre stato almeno un periodo da venti punti in ogni partita. Segno che da qualche parte il potenziale per mettere punti a tabellone c’è. A Roma questo potenziale si è nascosto bene, anzi è sparito del tutto, nel momento sbagliato.


   
   
***    




Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (24) Anichini (28) associazione (50) avversari (137) Bagatta (7) Binella (15) Catalani (3) città (1) Coldebella (2) Comune (10) consorzio (64) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (46) Fortitudo (1) Frullanti (24) giovanili (27) Griccioli (12) inchiesta (64) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (33) Macchi (4) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (91) mercato (77) Minucci (26) Moretti (2) Nba (2) Pianigiani (4) Polisportiva (39) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (26) Serie A (3) società (35) sponsor (25) statistiche (91) sul campo (392) Tafani (11) tifosi (79) titoli (21) trasferte (22) Viviani (3)