lunedì 20 ottobre 2014

Lo zoccolo duro

Il difficile non è vincere, è rivincere. La notizia non sono i 2661 spettatori della prima partita casalinga della nuova Mens Sana in Serie B, ma i 2465 della seconda, quella in cui ha battuto 81-49 il Cus Torino. Sostanzialmente invariati.

Non è, neanche stavolta, una questione di numeri in valore assoluto: c'è e ci sarà chi fa numeri più alti, in categoria. Conta il confronto con sé stessi: la prima della nuova vita, con Empoli, non è stata un una tantum di tifosi della domenica andati solo per dire "io c'ero".

La stagione è lunga e sarà solo naturale che a volte vada diversamente, ma a Siena c'è ancora voglia di basket. Per certi versi anche più di prima. C'è già uno zoccolo duro? Per fare una prova servono tre indizi, e - dopo i primi due match casalinghi - ne manca ancora uno.

E magari arriverà in settimana, quando nei prossimi giorni sarà annunciato il dato degli abbonamenti venduti. Che saranno circa 2000. Ci sono modi peggiori per ripartire.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (51) Asciano (21) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) Chiusi (12) città (12) Coldebella (2) Colle (25) Comune (18) consorzio (69) Costone (31) Costone femminile (6) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (89) giovanili (36) Grandi (8) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (11) Mens Sana Basket (105) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (3) palazzetto (2) personaggi (12) Pianigiani (4) Poggibonsi (18) Polisportiva (51) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (48) Serie A (3) Sguerri (15) società (78) sponsor (27) statistiche (105) storia (8) sul campo (534) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (98) titoli (21) trasferte (22) Virtus (42) Viviani (3)