sabato 1 novembre 2014

Perché la vittoria a Varese vale più delle altre

Ritrovare il tiro da tre, gustarsi il Parente dei tempi migliori e confermare nel contesto più difficile di avere la personalità della capolista: il successo a Varese della Mens Sana va oltre il 70-78 finale (qui cifre e cronaca) non solo perché vale già una minifuga, 4 punti (più lo scontro diretto) di vantaggio sulla più vicina delle inseguitrici già dopo sei giornate di Serie B.



La personalità con cui si gioca è un valore che prescinde dalla categoria. E' la capacità di essere l'alpha dog, è la mentalità. Non è necessario nascerci, può svilupparsi nel corso della stagione, passando attraverso le difficoltà o prendendo fiducia coi risultati. Di certo è il mezzo necessario e irrinunciabile per chi vuole raggiungere il migliore dei risultati. Ecco, la Mens Sana ce l'ha già.


Lo ha dimostrato andando a fare la partita a Varese (non c'entrano i valori tecnici: anche i più forti possono fare partite speculative), e lo ha dimostrato per come l'ha portata a casa quando il sorpasso della Robur et Fides pareva aver cambiato l'inerzia. E' vero che forse si sarebbe parlato diversamente se quella tripla e quel tapin entravano, ma aveva già cominciato a dimostrarlo una settimana fa sul campo di Monsummano. Facendo stavolta un passo avanti, quello che serviva per evitare di trovarsi di nuovo a patire per una tripla o un tapin all'ultimo secondo che ballano sul ferro. Senza ricordare che lo ha fatto nel giorno del divieto di trasferta ai suoi tifosi, che aveva sempre avuto accanto con forza.

Ripresa e sorpassata da Bolzonella a 2'25" dalla fine (68-67), quando il gioco si è fatto duro la Mens Sana ha piazzato l'11-0 del padrone. Lo ha fatto con tre triple di fila: Parente, Pignatti, Panzini. Il 7/20 da tre che aveva fin lì (35%) era comunque la seconda prestazione stagionale da oltre l'arco. Ha chiuso con 10/23, su percentuali toccate solo a Mortara (11/24, 46%), e di un altro pianeta rispetto a Piombino (5/22, 23%), Empoli (4/21, 19%), Torino (6/22, 27%) e Monsummano (2/20, 10%).

Prima o poi il tiro da tre deve cominciare a entrare con più continuità, è successo nel giorno giusto, quando sul campo del miglior attacco del campionato serviva una giornata da 78 punti segnati. Il tutto, ancora più particolare, nel giorno dello 0/6 di uno specialista come Vico. Ci hanno messo del loro Ranuzzi e Pignatti, con un 3/6 in coppia, ci ha messo del suo soprattutto Davide Parente, 4/7 alla fine.

Forse motivato dall'incrocio con un altro big della categoria come Bolzonella (che la Mens Sana ha comunque saputo limitare a 16 punti con 16 tiri, ben sotto le percentuali abituali), Parente ancora in rodaggio ha messo la chiara firma di chi ha pedigree e leadership per prendere in pugno la situazione: la tripla a 1'35" dalla fine che ha avviato quell'11-0 decisivo, ma prima ancora due siluri da otto metri nel cuore dell'ultimo quarto, nel momento in cui Varese era più carica e pareva pronta a prendere il controllo della partita. Parente sta tornando.

Nessun commento:

Posta un commento

gli argomenti

altre senesi (66) Anichini (46) Asciano (12) associazione (59) avversari (138) Bagatta (7) baskin (1) Binella (16) Catalani (3) città (12) Coldebella (2) Colle (15) Comune (18) consorzio (69) Costone (21) Crespi (8) De Santis (2) Decandia (1) Eurolega (2) ex (48) Fortitudo (1) Frullanti (66) giovanili (36) Griccioli (12) inchiesta (69) infortuni (5) iniziative (5) Lnp (35) Macchi (29) Mandriani (17) Marruganti (20) Mecacci (18) media (10) Mens Sana Basket (96) mercato (88) Minucci (27) Moretti (3) Nba (2) pagelle (2) palazzetto (2) personaggi (10) Pianigiani (4) Poggibonsi (9) Polisportiva (50) ramagli (19) Ricci (21) riposo (2) Salvadori (41) Serie A (3) Sguerri (12) società (75) sponsor (27) statistiche (105) sul campo (500) Tafani (11) tecnica (3) tifosi (92) titoli (21) trasferte (22) Virtus (31) Viviani (3)